Il singhiozzo è un fenomeno dovuto a contrazioni ripetute e involontarie del diaframma che dura solitamente alcuni minuti e ha come causa scatenante l’irritazione del nervo frenico che può essere causata da diversi fattori.

Le cause del singhiozzoLe cause del singhiozzo

Ci sono alcune situazioni tipiche della vita quotidiana che possono far insorgere il singhiozzo:
Dilatazione improvvisa dello stomaco, dovuta dalla rapida o eccessiva ingestione di cibo e bevande;
Sbalzi di temperatura;
Assunzione eccessiva di alcolici che irritano la mucosa gastrica;
Situazioni di forte emotività che causano un’eccessiva inalazione d’aria che irrita il diaframma.

Rimedi

Esistono diversi rimedi più o meno efficaci per la cura del singhiozzo che, anche se non hanno riscontri scientifici, si tramandano di generazione in generazione.

1. Trattenere il fiato per almeno 30 secondi sorseggiando lentamente dell’acqua;

2. Da distesi inspirare lentamente fino a riempire d’aria il diaframma e cercare di allungarlo il più possibile. Mantenere la posizione per almeno 30 secondi.

3. Uno spavento improvviso può fa passare il singhiozzo ma è una soluzione non certa al 100%.

4. Mangiare un cucchiaino di zucchero: in questo modo si stimola il diaframma e si ‘distraggono’ le terminazioni nervose facendo passare il singhiozzo.

5. Anche mangiare del limone aiuta, questo infatti grazie al suo sapore acido, aiuta a sopraffare e reindirizzare l’attenzione di nervi irritati responsabili del singhiozzo.

6. Respirare in sacchetto di carta: in questo modo si aumenta la quantità di anidride carbonica del sangue e il corpo si occuperà di sbarazzarsi quella in eccesso piuttosto che far singhiozzare.