Se si vuole godere di un’abbronzatura ambrata o bruna per un periodo discretamente lungo, preservando, al contempo, la salute della propria pelle, occorre considerare che il lavoro è ben più lungo della vacanza al mare programmata, in quanto inizia con un periodo di preparazione, continua con l’esposizione al sole e prosegue, dopo la vacanza, con le azioni di mantenimento.

Abbronzatura perfetta al sole pensando anche alla salute della pelle

Prima della vacanza

L’abbronzatura perfetta affonda le radici in un periodo di preparazione della pelle che comincia molto prima della partenza. Alcune settimane prima dell’inizio della vacanza è, infatti, consigliabile:

  • assumere integratori al betacarotene ed aumentare il consumo di carote (anche come centrifugati);
  • esporsi gradualmente al sole, magari trascorrendo qualche ora in terrazza;
  • effettuare uno scrub che elimini la pelle morta e secca per lasciare spazio ad uno strato di pelle più facilmente abbronzabile.

Durante la vacanza

Questa è la fase del passaggio all’azione. E’ importantissimo, in questo delicato momento, proteggere la pelle e preferire un’abbronzatura più graduale, che sarà anche sinonimo di durata, piuttosto che un’abbronzatura intensiva e caduca. Ecco le regole da seguire:

  • esporsi al sole evitando quelle più calde e centrali della giornata;
  • proteggere sempre la pelle con una crema solare, scalando, nel corso della vacanza, il grado di protezione;
  • idratare sempre la pelle dopo l’esposizione, assumendo molti liquidi, facendo uso di creme o oli idratanti ed evitando saponi troppi secchi;

Dopo la vacanza

Per conservare più a lungo possibile l’abbronzatura ottenuta, sarà bene mettere in atto alcune accortezze:

  • continuare ad esporsi al sole facendo attenzione ad evitare le ore più calde della giornata;
  • applicare oli o creme grasse.