come mangiare in gravidanzaDurante la gravidanza è consigliato seguire una dieta che porti benefici sai alla madre che al bambino. Quello che mangia la madre è infatti assorbito dal feto che cresce e si sviluppa. In gravidanza si hanno molti cambiamenti ormonali ed è necessario adottare un’alimentazione bilanciata e sicura per prevenire il rischio di infezioni dovute al mutamento del sistema immunitario. Esistono alimenti che contengono di per sé batteri e ai quali bisogna prestar attenzione.

Formaggi molli

Questo tipo di formaggi potrebbero contenere la Listeria monocytogenes, un batterio che causa la listeriosi.

Pesce e molluschi

La maggior parte del pesce di mare contiene mercurio, soprattutto i pesci di grandi dimensioni come il tonno, il pesce spada e lo squalo, che andrebbero quindi consumati con cautela. Meglio quindi evitare questo pesce durante la gravidanza.
Anche i molluschi crudi e le ostriche vanno assolutamente evitate in quanto contengono spesso la Salmonella Campylobacter e il virus dell’epatite A.

Uova

Le uova vanno consumate solo cotte per evitare il rischio salmonellosi.

CarneMangiare le uova cotte in gravidanza

Nel caso di ricettività alla toxoplasmosi bisogna fare attenzione alle carni crude o affumicate che vanno evitate. Per uccidere i batteri tutta la carne (anche l’interno) deve arrivare a una temperatura minima di 70°C. Di questa categoria fanno parte anche gli insaccati: attenzione a quelli che non prevedono cottura, ma solo essiccazione, affumicatura e trattamenti di asciugatura tramite farine e sali (prosciutto crudo, il salame, la bresaola ecc…)

Frutta e verdura

Sono molto importanti per la crescita del feto ma vanno lavate attentamente e in caso di ricettività alla toxoplasmosi è consigliato usare un disinfettante per alimenti.

Alcolici

Devono essere evitate le bevande alcoliche per tutta la gravidanza in quanto l’alcool può portare danni al feto.