Grazie ad una ricerca condotta dall’Università di Zurigo è stato possibile dimostrare come lo stress possa modificare il risultato di una dieta. Ben 51 persone sono state analizzate, alle quali è stato chiesto di classificare i cibi saporiti e quelli salutari. Durante l’esperimento, i soggetti sono stati divisi in due gruppi: uno sottoposto a stress, costretto a immergere le mani in acqua ghiacciata, mentre l’altro no.

L’esito dell’indagine ha messo in evidenza come le persone più soggette a stress avessero maggiore desiderio e bisogno di consumare cibi saporiti e, di conseguenza, calorici. La sfera cerebrale ha accantonato gli obiettivi a lungo termine, ovvero quello di dimagrire. Silvia Maier, autrice della ricerca, ha dichiarato: “Una strategia per evitare questo effetto è prevenire il problema, evitando ad esempio di avere in casa cibo spazzatura se si sa che si avrà una giornata stressante”.