I ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Université Laval, del Quebec Heart and Lung Institute Research Center, e dell’Istituto di Nutrizione e alimentazione funzionale hanno scoperto una molecola naturale che potrebbe essere utilizzata per il trattamento dell’insulino-resistenza e del diabete di tipo 2. La molecola, un derivato degli acidi grassi omega-3, imita alcuni degli effetti dell’esercizio fisico sulla regolazione del glucosio nel sangue.

I dettagli di questa nuova cura per il diabete dal professor André Marette e il suo team sono pubblicati oggi in Nature Medicine.

È noto da tempo che gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a ridurre l’insulino-resistenza causata da una dieta ricca di grassi saturi. Nel loro lavoro precedente, André Marette e i suoi colleghi avevano collegato questi effetti ad un lipide bioattivo chiamato D1 Protectin. In ulteriori indagini, hanno scoperto che un altro membro della stessa famiglia di nome DX protectin (PDX) innesca la produzione e il rilascio di interleuchina 6 (IL-6) nelle cellule muscolari, una risposta che si verifica anche durante l’esercizio fisico. “Una volta nel sangue, l’IL-6 controlla i livelli di glucosio in due modi: segnala al fegato di ridurre la produzione di glucosio e agisce direttamente sui muscoli per aumentare l’assorbimento del glucosio“, spiega il ricercatore, che è anche Direttore Scientifico dell’Istituto di Nutrizione e alimentazione funzionale dell’Université Laval.

I ricercatori hanno utilizzato topi transgenici privi del gene IL-6 per dimostrare il collegamento tra PDX e IL-6. Il PDX avuto scarso effetto sul controllo della glicemia in questi animali. Ma nei test simili condotte su ratti diabetici obesi, il PDX ha dimostrato di migliorare notevolmente la risposta all’insulina, l’ormone che regola il glucosio nel sangue. “Il meccanismo d’azione descritto per il PDX rappresenta una nuova strategia terapeutica per migliorare il controllo del glucosio”, ha continuato il ricercatore. “La sua efficacia può essere comparabile con quella di alcuni farmaci attualmente prescritti per controllare la glicemia“.