Un nuovo rapporto sull’HSE (Health Service Executive) sugli alimenti e la nutrizione negli ospedali acuti ha affermato che grasso, zucchero e sale non dovrebbero essere limitati. Ivi si legge che qualsiasi dieta deve contenere frutta e verdura, cereali e pane, patate, pasta e riso, così come tre porzioni al giorno di latticini grassi.

Il consiglio dal rapporto

Ha inoltre raccomandato due porzioni al giorno di carne, pollame, pesce, uova, fagioli e noci. Mentre il pesce deve essere fornito almeno due volte a settimana, compresi i pesci grassi almeno una volta alla settimana.

I pazienti al ricovero in ospedale potrebbero anche essere valutati per determinare i loro bisogni alimentari, nutrizionali e di idratazione. Qualsiasi valutazione includerebbe uno screening nutrizionale per il rischio di malnutrizione, che verrebbe ripetuto settimanalmente per degenti.

La valutazione dovrebbe identificare e registrare il peso e l’altezza, l’indice di massa corporea (BMI) e le attuali esigenze dietetiche modificate in base alla terapia o alla struttura.

L’importanza di uno screening nutrizionale

Il rapporto “Politica alimentare, nutrizionale e di idratazione per i pazienti adulti negli ospedali acuti”, spera di migliorare la qualità. Ma anche la sicurezza del cibo e delle cure nutrizionali negli ospedali acuti.

Barbara Gillman, dietista renale specialista clinico, è la fautrice del ​​progetto. Ella ha spiegato l’importanza dello screening nutrizionale e piani pasto personalizzati per ogni paziente.

Durante il ricovero in ospedale, i pazienti saranno sottoposti a screening per valutare se sono nutrizionalmente bene o nutrizionalmente a rischio da condizioni come malnutrizione, diabete, allergie, problemi di deglutizione. O forse potrebbero aver bisogno di assistenza con alimentazione o aiuti per mangiare e bere.

Una volta valutate le loro esigenze, gli verrà assegnato un menu ospedaliero appropriato. Oppure saranno indirizzati a un dietologo per un piano di assistenza nutrizionale. Se necessario, il paziente verrà quindi sottoposto a screening settimanalmente per garantire che i suoi bisogni continuino a essere soddisfatti.