Un recente studio mette in evidenza che i casi di gotta nel mondo sono in aumento. In particolare attualmente, rispetto al 1990, si denota una crescita di almeno il 5,5% delle diagnosi. Nel mondo sono più di 41 milioni le persone che soffrono di questa malattia.

Che cos’è la gotta

La gotta è una patologia infiammatoria che è determinata dalla presenza di livelli elevati di acido urico nel sangue. L’acido urico può trasformarsi in cristalli, che si depositano a livello delle articolazioni, dei tessuti e degli organi interni, causando diverse manifestazioni sintomatologiche.

Gli esperti sottolineano che i casi di gotta nel mondo sono in forte aumento. In particolare viene specificato che si riscontrano 92 nuove diagnosi all’anno ogni 100mila persone.

Lo studio che mette in evidenza questi dati, sui quali ancora non c’è piena consapevolezza, è stato realizzato in Australia, presso l’Università di Sydney.

I ricercatori sottolineano che l’incidenza di questa malattia comporta un grosso peso per il sistema sanitario. Per questo motivo, considerando che la popolazione mondiale tende sempre di più ad invecchiare, bisognerebbe non sottovalutare il fenomeno.

Quali sono le cause della gotta e le conseguenze

I ricercatori hanno spiegato quali sono le cause principali che portano alla manifestazione di sintomi come comparsa di dolore particolarmente intenso alle articolazioni nei casi di gotta.

Si tratta di una malattia infiammatoria legata molto allo stile di vita, all’alimentazione e al sovrappeso. Infatti si ritiene che l’accumulo di acido urico nel sangue sia particolarmente favorito dal consumo di cibi e di bevande come birra e carne rossa.

Ci sono delle conseguenze molto importanti da considerare, sulle quali incidono dei fattori di rischio come l’ipertensione e il diabete di tipo 2.