Le persone che sono intolleranti al glutine o che seguono una dieta vegetariana o vegana devono fare attenzione a quello che mangiano perché è più difficile trovare prodotti per loro. Ma ci sono cereali senza glutine? Quali sono i cereali senza glutine? Scopriamone di più su questo argomento, partendo proprio dal cercare di comprendere che cos’è il glutine. Analizzeremo, dopo aver visto un elenco dei cereali senza glutine, i benefici dei cereali senza glutine da inserire all’interno di una dieta.

Cos’è il glutine?

Il glutine è una proteina presente in tutte le farine e che ha importanti effetti sull’elasticità della pasta, sul volume di essiccazione e sul rendere la pasta fresca da sfoglia. Il glutine si trova anche negli amidi, nei prodotti da forno, nelle bevande gassate e nello yogurt.

In alcune farine, il glutine è contenuto nella parte di zucchero che viene rimossa durante il processo di lavorazione e può essere presente anche in forma pura. Il glutine è il responsabile dell’impasto morbido, elastico e facile da lavorare. Quali sono i cereali senza glutine? Vediamo adesso per i cereali senza glutine lista e dettagli da conoscere, per scoprire i cereali senza glutine quali sono.

Riso: cos’è e valori nutrizionali

Il riso è un cereale senza glutine molto diffuso in tutto il mondo e consumato ovunque. È l’alimento principale per milioni di persone in alcune aree del pianeta. I suoi valori nutrizionali sono molto simili a quelli del grano saraceno, è ricco di proteine ed è particolarmente ideale per chi è vegetariano o vegano. Il riso contiene elementi come il magnesio e il calcio, che, assieme alla vitamina B12 in esso contenuta, favoriscono la formazione della pelle e rafforzano i denti.

Mais: cos’è e valori nutrizionali

Il mais contiene glutine? Il mais è un cereale che si trova principalmente in America e in Sudamerica. Esso viene utilizzato soprattutto nell’alimentazione degli animali, ma anche per la produzione di farina da usare nei prodotti da forno.

I valori nutritivi del mais sono abbastanza vari e dipendono dalla varietà, ma spesso il mais ha più carboidrati, proteine e fibre rispetto ad altri cereali. Si può consumare il mais in tutte le sue varietà.

Sorgo: cos’è e valori nutrizionali

Il sorgo è un cereale con caratteristiche molto simili al grano saraceno. La principale differenza è che il sorgo è privo di glutine, pertanto può essere mangiato da chiunque, anche se soffre di celiachia o intolleranza al glutine.

Il sorgo è uno dei primi cereali coltivati in Europa, una delle prime varietà ad essere coltivata e consumata nel nostro continente. Il sorgo è stato sempre molto popolare, per la sua brevissima durata di crescita, per il fatto che si può raccogliere prima del raccolto dell’avena e del grano, per la sua semplicità di coltivazione e per il forte contenuto in termini di sali minerali e in fibre. Il sorgo è conosciuto in tutto il mondo ed è molto diffuso in tutte le tradizioni culinarie.

Teff: cos’è e valori nutrizionali

Il teff è un cereale che appartiene alla famiglia del farro. La principale differenza rispetto al farro è il contenuto di amido, il quale nei cereali senza glutine è assente oppure molto inferiore. Il teff ha un alto valore energetico, oltre il doppio di quello del riso e circa il 30% in più rispetto alle patate.

Benefici dei cereali senza glutine

Il rischio di mangiare troppo è spesso una conseguenza inevitabile dell’uso di cereali ricchi di carboidrati. Seguendo una dieta con cereali privi di glutine, si ha il vantaggio di poter mangiare quantità ragionevoli di questi alimenti senza la paura di ingrassare anche se sono ricchi di zuccheri.

I cereali senza glutine contrastano la celiachia

I cereali che non contengono glutine sono l’ideale per chi soffre di celiachia. La celiachia è una condizione che provoca un’intolleranza verso il grano e il suo segno distintivo è l’infiammazione che interessa il tratto intestinale. Questa condizione impedisce all’organismo di assimilare i prodotti derivanti dal grano, come farina, pane o pasta.

I cereali senza glutine sono digeribili

I cereali senza glutine sono privi di glutine, cioè la proteina responsabile della sensibilità ai cereali. In questo modo si evita il rischio di intolleranza ed allergia, così come si evitano altre patologie caratterizzate da un’intolleranza a cereali contenenti glutine. I cereali senza glutine possono essere spesso anche integrali.

Controindicazioni dei cereali senza glutine

I cereali senza glutine sono un ottimo alimento per chi soffre di celiachia, in quanto non contengono gli amidi che causano la reazione allergica. Tuttavia, bisogna stare attenti alla presenza di altri elementi che possono comunque scatenare problemi intestinali.

Per questo motivo, è bene prestare molta attenzione alle indicazioni specifiche sul prodotto acquistato. Se sei allergico a un elemento di cui i cereali senza glutine sono ricchi, ti consigliamo di non consumarli. Sono inoltre fondamentali altri accorgimenti e controlli che ti serviranno per la salute del tuo intestino. Rispettare i tempi dell’assunzione e mangiare cibo light sono alcuni suggerimenti che possono risultare utili.

I cereali senza glutine fanno ingrassare?

Per le persone che hanno difficoltà a digerire il glutine o per chi è celiaco, per la colazione sono disponibili molte alternative. Questi cereali sono stati praticamente privati della parte interna (la parte con glutine) e possono essere considerati anche come alternativa alle classiche fette biscottate.

Oltre a essere privi di glutine, questi cereali possono contenere anche altri ingredienti che in alcuni casi specifici potrebbero comprometterne l’idoneità al consumo, tenendo conto di eventuali allergie o intolleranze che si potrebbero manifestare.

Pertanto, oltre a controllare se il prodotto è adatto per celiaci (un’indicazione presente solitamente sulla confezione), bisogna accertarsi che non contenga oli vegetali idrogenati, latte scremato in polvere, farina bianca o scura o frumento raffinato.

I cereali senza glutine, insomma, sono la scelta migliore per tutti coloro che vogliono mangiare pane e biscotti senza troppe limitazioni. Un prodotto ideale per chi vuole dimagrire, ma non può proprio rinunciare ai cereali.

In ogni caso, per saperne di più su cosa includere nella propria alimentazione quotidiana, specialmente se si soffre di allergie o di intolleranze specifiche, sarebbe sempre opportuno consultare un medico di fiducia.