Quando si ha un bambino nato da poco, è necessario gestire la sua salute senza lasciare nulla al caso. Ciò implica anche un focus su come curare la pelle di un neonato. Sono diverse le linee guida da seguire al proposito. Prima di tutto, è il caso di orientarsi verso vestiti per neonati di massima qualità, realizzati con tessuti di livello eccellente e rispettosi della delicatissima pelle dei bebè.

Il suggerimento appena citato è importante, ma lo è altrettanto andare oltre. Se ti stai chiedendo quali siano gli altri consigli da seguire, non devi fare altro che proseguire nella lettura di questo articolo.

Scegli bene i prodotti per il bagnetto

Un aspetto molto importante da prendere in considerazione nel momento in cui ci si chiede come curare la pelle di un neonato riguarda la scelta attenta dei prodotti per il bagnetto. In generale, è meglio evitare di focalizzarsi su quelli schiumogeni. L’optimum prevede il fatto di orientarsi verso soluzioni oleose, decisamente più delicate. Attenzione: il bagnetto, anche se fatto con prodotti di alta qualità, non basta per la salute della pelle del bebè. Dopo aver concluso questo momento di igiene, infatti, è fondamentale utilizzare la crema idratante, avente un ruolo cruciale ai fini di un corretto sviluppo della barriera protettiva cutanea.

Evita la detersione con acqua nei primi giorni di vita

Nel corso dei primi giorni di vita del neonato, è ancora più importante fare attenzione alla delicatezza dei prodotti usati durante le operazioni di igiene quotidiana. La pelle, infatti, è delicatissima. Un consiglio da prendere in considerazione in uno dei periodi più emozionanti e difficoltosi della vita di un neo genitore riguarda il fatto di evitare, se possibile, la detersione con acqua. La soluzione migliore in questi casi è quella dell’utilizzo dei dischetti di cotone leggermente bagnati con olio eudermico. In questo modo, si ha la certezza di utilizzare un prodotto perfettamente tollerato dalla pelle del piccolo venuto al mondo da pochi giorni.

Come prendersi cura della pelle del viso

Vediamo ora un focus specifico relativo a come curare la pelle di un neonato e, in particolare, quella del viso. La prima cosa da dire al proposito è che, dopo il bagnetto, è necessario utilizzare la crema idratante, che deve essere scelta sulla base della peculiarità della pelle del piccolo. Da non dimenticare è anche l’applicazione, prima della passeggiata, di una crema viso mirata per proteggere la pelle del bimbo dall’attacco degli agenti atmosferici.

L’igiene intima

Prendersi cura in maniera completa della pelle di un neonato significa, per forza di cose, occuparsi anche della cute delle parti intime. Lo sfregamento continuo con il pannolino, infatti, può provocare delle irritazioni molto fastidiose per il piccolino.

Cosa bisogna fare per prevenirle e contrastarle? A ogni cambio di pannolino, è necessario utilizzare un detergente intimo specifico per la delicatissima pelle del bebè. Se possibile, è il caso di utilizzare un prodotto con attivi prevalentemente naturali.

Salviette umidificate? No, grazie!

Le salviette umidificate sono tra i prodotti più popolari quando si parla di igiene della pelle del neonato. In merito al loro uso, c’è un dibattito molto acceso. Sono infatti diversi i medici che ne sconsigliano l’impiego, consigliando di sostituirle con detergenti che non richiedono risciacquo e con i lavaggi con acqua di rubinetto. Alla luce di questi diversi punti di vista, prima di acquistarli è il caso di chiedere consiglio al proprio pediatra di fiducia.

Attenzione a non esagerare con i bagnetti

Concludiamo questa breve rassegna di consigli su come curare la pelle del bebè facendo presente l’importanza di non esagerare con i bagnetti. Giusto per dare un parametro, rammentiamo che nei primi 6 mesi di vita va benissimo un bagnetto a settimana. Dai 6 ai 12, se ne possono fare anche due.