La tosse secca mette a dura prova le vie respiratorie: chi ne soffre ha difficoltà a conviverci. Vediamo insieme come si può riconoscere e curare. La tosse secca si sviluppa in soggetti che, molto spesso, soffrono di stati di raffreddamento o influenza. Si tratta di un disturbo che tende a comparire durante i cambi di stagione i quali, come ben sappiamo, sono caratterizzati da grossi sbalzi di temperatura.

La tosse secca può rivelarsi particolarmente fastidiosa: il motivo è da ricercare nell’irritazione della gola da parte di patogeni esterni e nell’infiammazione delle mucose presenti nella zona. Per risolvere il problema, prima di tutto, è necessario non minimizzare ma trovare il rimedio adatto per addolcire i sintomi e risolverli nel giro di poco tempo.

Tosse secca: cos’è e come riconoscerla

La tosse secca, generalmente, viene identificata come una sorta di meccanismo di difesa, che si attiva quando il nostro organismo riconosce la presenza di virus, sostanze irritanti o batteri in grado di attaccare i nostri polmoni. Il suo obiettivo è mantenere libere le alte vie respiratorie.

Ci sono alcuni segnali inconfondibili che fanno pensare alla tosse secca. Uno di questi è, prima di tutto, il dolore al petto e alla gola (spesso con raucedine). Non è raro che gli stati primordiali di tale patologia siano identificabili con un senso di bruciore persistente, corredati da un fastidioso prurito al naso. Tra i sintomi della tosse secca dobbiamo indicare anche la difficoltà di deglutizione e il bruciore alla trachea. A tutto ciò si accompagna un respiro faticoso e sibilante.

Tosse secca: le cause

La tosse secca, generalmente, è causata da infezioni virali che colpiscono la zona del naso o della gola, ma non solo. Infatti non è raro che si possa soffrire di tale problema in seguito a patologie che infiammano i bronchi. Esistono però anche altre cause che possono portare a soffrire di questo fastidioso stato. La tosse secca può originarsi da reazioni allergiche e asma, laringite, faringite e tracheite. Inoltre il disturbo può comparire anche se si vive in un ambiente non adeguatamente aerato, oppure in presenza di sostanze irritanti come polvere e fumo. Infine lo stress può essere una causa della tosse nervosa.

Tosse secca: come combatterla

Per risolvere presto e bene il problema è possibile ricorrere allo sciroppo Stodal, particolarmente indicato per la tosse secca. Ad ogni modo, il disturbo potrà essere contrastato anche ricorrendo a soluzioni naturali come bevande sedative o suffumigi con particolari sostanze. I suffumigi, chiamati anche fumenti, consistono nella respirazione di un vapore composto da camomilla, eucalipto e acqua calda. Basta avvicinarsi alla ciotola fumante e coprirsi con un asciugamano, quindi, inalare l’aria.

In alternativa possiamo affidarci al potere di tisane, decotti o infusi. Questi producono un effetto calmante per la tosse secca. Sono efficaci le sostanze come camomilla, malva, liquirizia o tiglio: sfiammano la gola e le mucose. Se aggiungiamo un cucchiaino di miele le proprietà addolcenti diventano ancor più spiccate. E’ bene contattare il medico quando la tosse sia insistente, perduri per settimane o insorga durante il riposo notturno.