Uno dei più grandi esperti nel mondo di coronavirus, il professor Gabriel Leung, ha spiegato che il nuovo virus del quale si parla in queste ultime settimane potrebbe infettare il 60% della popolazione di tutto il pianeta. Il nuovo coronavirus 2019-nCoV, secondo l’esperto, se non venisse messa a punto un’efficace strategia di prevenzione della diffusione dei contagi, potrebbe infettare più della metà della popolazione del mondo.

Leung spiega che molti casi potrebbero non essere stati segnalati

Leung è uno dei più esperti delle epidemie di coronavirus in generale e ha studiato anche gli sviluppi della Sars, quando si è manifestata questa epidemia diversi anni fa. Il docente dell’Università di Hong Kong ha spiegato di essere convinto che esistono molti casi di contagio da coronavirus che non sono stati segnalati alle autorità nel mondo.

Questo può voler dire, appunto, che i numeri sulle infezioni potrebbero essere diversi anche nel futuro. È però da considerare in questo caso che il tasso di mortalità dovuto all’infezione da coronavirus risulterebbe inferiore, considerando i dati che abbiamo attualmente a disposizione.

Secondo l’esperto tutti gli Stati dovrebbero contrastare la diffusione del coronavirus

L’esperto, intervistato dal Guardian, chiarisce che secondo il suo parere non è possibile spiegare il fatto che in alcuni Stati del mondo, che hanno dei collegamenti specifici con la Cina, non siano stati segnalati casi.

Secondo Leung, tutti gli Stati dovrebbero mettere in atto delle misure molto precise per contrastare la diffusione dell’infezione, anche con la quarantena delle città.

In ogni caso l’esperto rassicura, spiegando che magari a questa percentuale non si arriverà, perché il coronavirus verrà fermato oppure perché diventerà meno letale nel corso del tempo.