Puntini bianchi che, da un giorno all’altro, insorgono attorno agli occhi e al naso: nella maggior parte dei casi, si tratta dei cosiddetti grani di miglio. Caratterizzati da un diametro di pochi millimetri, rappresentano un disturbo estetico molto diffuso tra le donne. In alcuni casi, possono riguardare anche i neonati.

Se stai cercando maggiori informazioni in merito, nelle prossime righe puoi trovare alcune utili specifiche.

Cause

Partiamo dalle cause della formazione dei grani di miglio sul viso. Su questo aspetto, la scienza non ha ancora trovato una risposta univoca. In molti frangenti, si pensa che alla base dell’insorgenza di questa problematica estetica ci sia uno scarso livello di igiene della pelle del viso.

Un altro punto di vista punta il dito sull’utilizzo eccessivo di prodotti cosmetici i cui ingredienti occludono i pori della pelle. Molto spesso, si consiglia anche di evitare l’utilizzo di prodotti troppo aggressivi per la pulizia del viso. I prodotti in questione provocano infatti un impoverimento del film idrolipidico della pelle, fondamentale per l’estetica del viso.

Altri fattori da considerare

Quando si parla dei grani di miglio, è necessario considerare anche altri fattori causali. Tra questi, è possibile ricordare il funzionamento delle ghiandole sebacee non propriamente efficiente.

Da non dimenticare è anche l’influenza che può avere l’eccessivo ricorso a lampade abbronzanti. Proseguendo con le cause dietro all’insorgenza dei grani di miglio attorno agli occhi e al naso, è possibile citare – aspetto riguardante però solo i soggetti adulti – l’influenza di patologie dermatologiche, come per esempio l’epidermolisi bollosa.

Esistono anche altre cause degne di nota. In questo novero è possibile includere la somministrazione di farmaci come le creme steroidee. In alcuni frangenti, i grani di miglio possono essere inclusi tra gli effetti della radioterapia.

Grani di miglio nei bambini neonati: bisogna preoccuparsi?

Come già ricordato, la problematica dei grani di miglio può riguardare anche i bambini neonati. In questi casi c’è da preoccuparsi? Assolutamente no! Si tratta di un disturbo transitorio, che non deve assolutamente allarmare. La salute dei bambini sul cui viso insorgono i grani di miglio non è assolutamente a rischio.

In linea di massima, queste piccole cisti sul volto spariscono senza bisogno di ricorrere a particolari trattamenti. In ogni caso, è molto importante fare il possibile per mantenere la pelle del neonato il più pulita. Essenziale a tal proposito è il ricorso a prodotti che rispettano il naturale pH cutaneo del piccolo.

Un consiglio molto importante da dare alle mamme riguarda il fatto di non provare in alcun modo a schiacciare i grani di miglio sul volto dei propri bimbi. Così facendo, si peggiora soltanto la situazione.

Eliminazione dei grani di miglio: quale crema scegliere?

Quando si parla di come eliminare i grani di miglio, è bene specificare che non esistono creme miracolose in grado di far sparire questo inestetismo.

Nominarli significa infatti considerare soprattutto la prevenzione. Essenziale a tal proposito è la scelta di una crema idratante adatta alle caratteristiche della propria pelle. Fondamentale per trovare il prodotto giusto e dalla texture migliore è rivolgersi al proprio dermatologo di fiducia.

Il professionista in questione è in grado di fornire le giuste indicazioni anche sui prodotti da non utilizzare. Tra questi, è possibile citare le formulazioni troppo nutrienti, rischiose in caso di pelle grassa.

Eliminare i grani di miglio non è impossibile, a patto che si valutino le cause e i sintomi in maniera corretta. In alcuni frangenti, può rivelarsi decisiva anche l’alimentazione, con l’aumento dell’apporto di alimenti caratterizzati dalla presenza di vitamina C e altri antiossidanti, sostanze molto utili per migliorare la qualità del film idrolipidico della pelle.