Si stanno concludendo i primi accordi per avere pronte 400 milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus già a partire da settembre. La multinazionale farmaceutica AstraZeneca sta conducendo degli accordi per il vaccino che è in fase di sperimentazione a Oxford. L’obiettivo è quello di attivare una capacità produttiva di un miliardo di dosi.

Il vaccino contro il coronavirus accessibile a livello globale

I responsabili della multinazionale hanno annunciato di star collaborando con alcuni Paesi e con alcune organizzazioni, in modo che questo vaccino contro il coronavirus che si sta sperimentando in Inghilterra non solo arrivi a breve tempo, ma in modo che ci sia anche la possibilità di accedere a queste dosi in maniera equa a livello globale.

Gli obiettivi sono davvero ambiziosi, perché la multinazionale farmaceutica, che avrà l’incarico di distribuire il vaccino, vorrebbe attivare diverse catene di fornitura in maniera parallela. Tutto questo allo scopo di espandere la capacità di distribuzione per i prossimi mesi.

Le dichiarazioni dell’amministratore delegato della multinazionale

Pascal Soriot, amministratore delegato della AstraZeneca, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni. Ha sottolineato che la pandemia può essere considerata una vera e propria tragedia globale, ma allo stesso tempo è una sfida per tutta l’umanità.

La società di cui si fa portavoce sta cercando in tutti i modi possibili di garantire un accesso in maniera equa alle dosi di vaccino contro il coronavirus, anche per sconfiggere le pesanti conseguenze economiche e sociali create dalla pandemia in tutti i Paesi del mondo.

Soriot ha specificato che la sua organizzazione farà di tutto per rendere il vaccino disponibile in maniera molto rapida.