In questo articolo parliamo delle farine senza glutine. Attualmente troviamo spesso in commercio dei prodotti definiti gluten free, che risultano molto utili in determinate situazioni, specialmente quando si manifesta la celiachia, una vera e propria intolleranza nei confronti di questa sostanza.

Per questo negli ultimi tempi si sono sempre più diffusi i prodotti privi di glutine negli scaffali dei supermercati. Si tratta di prodotti realizzati senza l’impiego del glutine. Generalmente le farine senza glutine costituiscono degli elementi ricavati dalla natura. Esistono infatti alcuni cereali che non hanno al loro interno questa sostanza.

Scopriamo quindi quali sono le farine senza glutine, partendo proprio dalla spiegazione relativa a che cos’è questa sostanza nello specifico. Analizzeremo in seguito all’interno di questa guida le più comuni farine che non contengono glutine. Ma andiamo con ordine e partiamo proprio dalla definizione.

Di che cosa si tratta

Quando parliamo di glutine ci riferiamo in particolare ad una sostanza che è formata da due proteine differenti, la glutenina e la gliadina. Queste ultime sono contenute all’interno di diversi cereali: pensiamo ad esempio all’orzo o al farro. Il glutine consente anche una precisa lavorazione dei cereali stessi, perché risultano più elastici proprio nel corso del processo di lavorazione.

Solitamente la fase della digestione di questa sostanza avviene per mezzo della transglutaminasi. Si tratta di un enzima che si trova nelle pareti dell’intestino e che ha l’obiettivo di trasformare la sostanza nelle due molecole che la costituiscono.

A causa della produzione di anticorpi contro l’enzima transglutaminasi, il processo non può avvenire negli individui che presentano una specifica intolleranza. Questo mette in moto un meccanismo di infiammazione con la presenza di diversi disturbi, anche in riferimento ad un’infiammazione cronica della mucosa dell’intestino.

Dove si trova il glutine

Il glutine è una sostanza che si trova comunemente in moltissimi prodotti che troviamo al supermercato. Pensiamo ad esempio alle farine bianche, alla pasta, ai dolci e agli altri prodotti da forno. Ma si può riscontrare anche i prodotti affettati e negli alcolici.

Per questo è sempre fondamentale conoscere quali sono i prodotti che contengono glutine, per sapere come scegliere gli alimenti giusti se abbiamo un’intolleranza nei confronti di questa sostanza.

Solitamente l’indicazione della presenza del glutine tra le sostanze che compongono gli ingredienti di un determinato prodotto è riportata sempre nell’etichetta, un’informazione sempre essenziale da conoscere.

Infatti è davvero importante escludere dall’alimentazione gli alimenti che contengono glutine in caso di intolleranza alla sostanza. Esistono però delle precise farine senza glutine che possono essere utili da considerare. Vediamo quali sono.

Quali sono le farine senza glutine

Le farine senza glutine quali sono? Analizziamo quindi alcune delle farine senza glutine che possiamo trovare in commercio, che spesso compongono differenti alimenti che possiamo trovare anche al supermercato. Esistono infatti ad esempio delle ottime farine senza glutine per pane o per biscotti. C’è ad esempio la farina di mais, che possiamo trovare spesso in alcune tipologie di biscotti e che spesso viene usata per la preparazione della polenta.

Un’altra farina senza glutine è quella di miglio, che consente di avere un buon apporto di vitamine del gruppo B, oltre che di numerosi sali minerali, come il magnesio, il ferro e il fosforo. Con questa farina si possono preparare molti prodotti, come ad esempio le crepes.

Tra le altre farine senza glutine da considerare c’è anche la farina di riso. È una farina che non ha molti grassi e viene ricavata dal riso bianco, che viene macinato e al quale viene tolta la crusca. Possiamo trovare la farina di riso ad esempio in alcuni cracker o in alcuni tipi di biscotti.

Un’altra tipologia di farina che potresti considerare come valida alternativa a quella tradizionale è quella di grano saraceno, che è molto ricca di varie sostanze, come calcio, magnesio, zinco, ferro e potassio. Con questa farina si possono mettere a punto vari tipi di pasta, di pane o di biscotti.

Ci sono poi le farine senza glutine che si ricavano dalla frutta secca. Possiamo parlare ad esempio della farina di mandorle o della farina di castagne. Quest’ultima nello specifico ha molte fibre alimentari e contiene diversi minerali, come il ferro, il calcio e il fosforo. Ricorda però che potrebbe avere un apporto di calorie anche abbastanza elevato.

Con il consumo di farine ricavate dalla frutta secca in generale, secondo quanto hanno dimostrato diversi studi, si può agire nel senso della prevenzione di alcune patologie a carico del sistema cardiovascolare. Per questo le farine ricavate dalla frutta secca, proprio come la stessa frutta secca in particolare, se consumate nelle giuste quantità, possono risultare molto utili per la nostra salute.

Ricordiamo infine anche la farina di cocco, che è un elemento molto interessante apprezzato da tantissime persone che amano i sapori decisi. Infatti questa farina viene spesso impiegata per preparare diverse tipologie di dolci. Ha delle proprietà benefiche molto interessanti e utili, anche perché all’interno di questa farina è presente acido laurico, che avrebbe degli effetti antimicrobici ed antifungini.

Da tutto quello che ti abbiamo spiegato, sicuramente avrai compreso che la scelta a tua disposizione è molto ampia se vuoi usufruire di prodotti alimentari variegati e con delle caratteristiche importanti a vantaggio del benessere dell’organismo.