Spesso sentiamo parlare della galletta di mais come un alimento che possa sostituire il pane nel caso in cui si stia seguendo una dieta per dimagrire. In molti casi la galletta di mais viene considerata un sostituto del pane, dal momento che ha un numero minore di calorie. Ma qual è la verità riguardo a questo prodotto? Mangiare le gallette di mais fa bene o male? Quante calorie hanno questi alimenti?

In questo articolo cercheremo di scoprire alcuni dettagli sulla galletta di mais e vedremo come mai questi prodotti si sono affermati così bene. Innanzitutto dobbiamo dire che si tratta di alimenti molto scelti da tante persone che stanno seguendo una dieta dimagrante perché rappresentano essenzialmente una certa comodità.

Infatti le gallette sono molto pratiche da portare ovunque, anche quando si va al lavoro, e riescono ad essere considerate come uno spuntino adeguato da parte di coloro che non vogliono rinunciare alla merenda, ma vogliono fare attenzione alla linea. Sono quindi degli alimenti scelti da tante persone. Vedremo in questo articolo come sono fatte le gallette di mais e quante calorie contengono, in modo da poterci orientare al meglio anche nella scelta di questo prodotto per la nostra alimentazione.

Come è fatta una galletta di mais

Una galletta di mais è composta da un insieme di cereali che vengono fatti espandere grazie all’impiego di meccanismi particolari che includono la pressione e il calore. Nel caso specifico, la produzione di questi alimenti non è molto differente rispetto a quella per mezzo della quale si mettono a punto i pop corn.

È però da specificare che, nel caso delle gallette, non vengono generalmente utilizzati dei grassi aggiunti. Il mais viene fatto riscaldare e viene sottoposto ad un processo di pressione intenso. Il mais in particolare finirà con subire un vero e proprio processo di esplosione, con la perdita di amido e di acqua.

Si otterrà in questo modo un alimento molto secco, che forma appunto la galletta di mais, e che ha una certa somiglianza con altri insiemi di cereali, come possono essere ad esempio quelli di riso soffiato. La produzione delle gallette di mais nello specifico può avvenire in genere in un processo industriale, perché per mettere a punto questo procedimento di cottura servono delle macchine specifiche a disposizione. Sarebbe quindi davvero difficile preparare le gallette di mais a casa con una procedura fai da te.

Quante calorie ha una galletta di mais

Parliamo adesso di un aspetto molto interessante, che è quello relativo al rapporto tra galletta di mais e calorie. Nello specifico quante calorie ha una galletta di mais? È giusto dire che il pane ha più calorie delle gallette di mais? In generale dobbiamo specificare che è davvero basso il rapporto tra il peso e il volume delle gallette. Per questo motivo è possibile mangiarne una certa quantità, allo stesso tempo evitando di assumere un numero elevato di calorie.

Però dobbiamo ricordare che la densità delle calorie delle gallette in questione risulta in realtà maggiore rispetto a quella del pane, che abbiamo preso in questo articolo come punto di riferimento per effettuare un confronto preciso. In particolare in 100 grammi di gallette troviamo 350 calorie, mentre una quantità di calorie pari a 280 è contenuta in 100 grammi di pane.

Se ti stai chiedendo quanto pesa una galletta di mais, considera che naturalmente il peso di una galletta di mais è inferiore e proprio per questo molti le preferiscono nel corso di una dieta messa a punto con l’obiettivo di dimagrire.

Le gallette in questione contengono circa 7 grammi di proteine, circa 80 grammi di carboidrati e 4 grammi di grassi. Prevalentemente si tratta di un prodotto a base di carboidrati, ma le gallette in questione hanno comunque una bassa quantità di zuccheri e 4 grammi di fibre.

Inoltre dobbiamo ricordare un altro elemento da sottoporre ad una certa attenzione. Dobbiamo specificare infatti che la galletta di mais in genere non ha un sapore gustoso. Questo porta molte persone a condire questi alimenti con altri ingredienti, come marmellate o creme particolari. Devi ricordare quindi che, se le condisci con formaggi o con altri ingredienti, non farai altro che aumentare il numero di calorie di questi alimenti.

Le gallette con il mais fanno dimagrire?

Cosa bisogna dire, quindi, in merito al rapporto tra le gallette di mais e il dimagrimento? Sicuramente, come per qualsiasi altro alimento, non bisogna esagerare nel consumo delle gallette, anche perché, secondo diversi studi, si tratterebbe di un prodotto sconsigliato a chi soffre di diabete, a causa dell’alto indice glicemico della galletta di mais.

In generale non possiamo dire che le gallette di mais fanno dimagrire. Come per tutta la nostra alimentazione, dobbiamo sempre considerare il rapporto con gli altri cibi che consumiamo e ovviamente anche l’eventuale attività fisica svolta.

Naturalmente è sconsigliato, per chi sta seguendo una dieta dimagrante, mangiare le gallette di mais condite con marmellata, burro o formaggio, perché in questo modo si perderebbe il potere saziante delle gallette e si finirebbe con l’assumere un numero elevato di calorie non previste.

È opportuno sempre chiedere consiglio al proprio medico o al nutrizionista, per comprendere quali sono le modalità più corrette per evitare un aumento del peso e allo stesso tempo per avere a disposizione tutti i nutrienti giusti da inserire nell’alimentazione quotidiana.

Chi soffre di ipertensione può consumare le gallette di mais, ma è bene scegliere prodotti di questo tipo senza sale. In generale comunque l’eccesso di sale è sempre da evitare, anche da parte di coloro che non soffrono di ipertensione.

La galletta di mais è un’ottima idea per chi ha difficoltà nella digestione, dal momento che sono degli alimenti semplici da digerire e non determinano la formazione di gonfiore nell’intestino.

Come sempre, quando parliamo di alimentazione, il consumo deve essere moderato. È possibile quindi mangiare anche quotidianamente qualche galletta, senza esagerare. Dobbiamo infatti specificare che le gallette di mais non fanno né dimagrire né ingrassare, così come avviene quando ci riferiamo a tutti gli altri alimenti.

Ciò che deve essere considerato è sempre l’equilibrio tra la quantità da assumere e l’esigenza nutrizionale di ogni persona. Per questo è sempre bene affidarsi ad un esperto del settore, per comprendere quali sono le esigenze personali, tenendo conto anche delle eventuali patologie di cui si potrebbe soffrire.