I 10 cibi che fanno bene al cuore

Uno dei modi più efficaci per prevenire gli infarti e, più in generale, le malattie cardiovascolari, è sicuramente fare attenzione a quello che mangiamo. Una dieta sana, infatti, aiuta a mantenere in salute il cuore e ci dà una mano a preservare il benessere di tutto l’organismo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che un’alimentazione sana può prevenire addirittura un terzo delle malattie cardiovascolari. Malattie che in Italia, secondo L’Istituto Superiore di Sanità, sono la prima causa di morte.

Vediamo dunque quali sono i 10 cibi che fanno bene al cuore, perché dovremmo adottare un’alimentazione sana e come prevenire infarti, arresti cardiaci e malattie cardiovascolari.

Salute del cuore, 10 cibi che fanno bene

È ormai noto quanto un’alimentazione sana sia amica della salute cardiovascolare. Oltre ai fattori di rischio come età, familiarità di malattie cardiache come l’ipertensione e il genere (gli uomini sono molto più soggetti a sviluppare disturbi cardiaci rispetto alle donne), anche uno stile di vita sregolato può portare a sviluppare problemi cardiaci.

Il fumo, l’alcol, una vita sedentaria e alti livelli di colesterolo cattivo (LDL) e trigliceridi nel sangue rientrano infatti tra le concause dei disturbi che colpiscono cuore e circolazione. Non solo: fare attenzione a una dieta sana è fondamentale per chi ha già avuto problemi cardiaci o è stato vittima di infarto.

Evitare di bere alcolici, non fumare, fare attività fisica aerobica come nuoto, camminata o ciclismo e adottare una dieta a basso contenuto calorico sono le linee guida da seguire per mantenere il cuore in salute.

Ricordiamo sempre di fare riferimento con attenzione alle raccomandazioni del proprio medico: sarà lui, anche in base ai referti di esami e analisi specifiche, a consigliare il regime alimentare più corretto per il singolo caso.

Ecco i 10 cibi amici del nostro cuore che troverete in ogni dieta dedicata alla salute cardiovascolare.

1.   Verdure (soprattutto a foglia verde)

Le verdure, specialmente quelle a foglia verde come gli spinaci, radicchio, rucola, zucchine e finocchi sono i migliori alleati di un cuore sano. La vitamina K, presente in grandi quantità in queste verdure, aiuta infatti a proteggere le arterie.

Le verdure, inoltre, sono fonte di nitrati, che contribuiscono ad abbassare la pressione e sono quindi un ottimo alimento per chi soffre di ipertensione.

2.   Carne bianca

Come ormai sappiamo bene, il consumo di carne rossa fa male sia al pianeta che a noi. Secondo i dati della Fondazione Veronesi, il consumo di carne rossa (maiale, cavallo, bovino o agnello) è strettamente connesso al rischio di diabete mellito, malattie cardiovascolari e alcune forme tumorali come il cancro al colon-retto.

Da prediligere allora la carne bianca come pollo, tacchino o coniglio, che va comunque consumata con moderazione (1 o 2 volte alla settimana) evitando assolutamente la frittura e optando per una cottura alla griglia.  

3.   Aglio e cipolla

Se consumati regolarmente, aglio e cipolla riducono la probabilità di contrarre malattie cardiache. L’aglio è un antisettico ricco di Vitamina B1, abbassa la pressione e regola il battito cardiaco. Studi recenti hanno poi evidenziato come la cipolla abbia un’azione antitrombotica e riduca il rischio di infarto, specie se mangiata cruda.

4.   Legumi

Fonti di proteine vegetali e macronutrienti, i legumi sono i migliori amici del cuore. Ceci, fagioli, lenticchie contengono infatti le fibre necessarie al benessere non solo dell’apparato cardiocircolatorio ma di tutto l’organismo: il ferro aiuta a diminuire il colesterolo cattivo, il potassio abbassa la pressione e il fosforo agisce a livello dei muscoli, cuore compreso.

5.   Cereali integrali

Gli alleati della prevenzione cardiovascolare sono poi i cereali integrali, la cui ricchezza di fibre aiuta a combattere il colesterolo. Sì dunque a pasta e pane integrali, farro, quinoa, orzo e avena, consumati in porzioni di circa 70g.

6.   Pesce azzurro

Il migliore amico del cuore (e della salute in generale) è sicuramente il pesce. In modo particolare il pesce azzurro, come salmone, alici o sgombro, è ricco di Omega3, gli acidi grassi che riducono il rischio di infarto. L’ideale è inserirlo nella dieta e consumarlo 3 o 4 volte alla settimana.   

7.   Frutta fresca

Riserva naturale di vitamine, la frutta andrebbe mangiata 3 volte al giorno. Da preferire le arance e in generale gli agrumi, le albicocche, le ciliegie, i kiwi, oltre a mele, melone e mango.

Sì anche ai frutti rossi, potenti antiossidanti che contrastano il colesterolo e mantengono stabile la pressione, riportandola ai valori regolari.

8.   Frutta secca

Altri alimenti ricchi di Omega3 sono anche noci, nocciole, arachidi e, in generale, la frutta secca. Ricca di vitamina E, la frutta secca aiuta a combattere il colesterolo e contrasta l’aumento della pressione.

9.   Tè, caffè e vino rosso

E le bevande? Possiamo concederci, in quantità moderate, anche vino, caffè e tè, dalle proprietà antiossidanti. Tè e caffè, infatti, contengono polifenoli, che regolano il metabolismo del glucosio, mentre il vino è ricco di resveratrolo, sostanza che abbassa i livelli di colesterolo cattivo e aumenta quello buono.

10.               Cioccolato fondente

Sapevate che il cioccolato è ricco di flavonoidi, che rendono i vasi sanguigni più elastici? Bene quindi inserire il cioccolato nella dieta, purché sia fondente (almeno al 70%) e non se ne abusi: 10g al giorno sono una quantità più che sufficiente.

Alimentazione e salute: cosa fare in caso di arresto cardiaco?

Abbiamo visto come alimentazione e rischio di malattie cardiovascolari vadano di pari passo, e quanto sia importante introdurre nella propria dieta alimenti che contrastino l’aumento di colesterolo cattivo e trigliceridi, prevenendo il rischio di infarto e di contrarre malattie pericolose per la salute del cuore.

Ma cosa succede in caso di arresto cardiaco? Quali sono le cose da fare e come comportarsi?

Arresto cardiaco: come agire subito

Purtroppo nessuno è esente dal rischio di arresto cardiaco, che può colpire chiunque a prescindere da età e condizioni di salute. L’unico modo per salvare una persona colpita da arresto cardiaco è utilizzare tempestivamente un defibrillatore: si calcola che le possibilità di sopravvivenza aumentano dell’80% se si usa un defibrillatore entro i primissimi minuti dopo il malore.

I defibrillatori semiautomatici esterni Mindray sono intuitivi e facili da usare anche per chi ha poca o nessuna esperienza nel primo soccorso. Il dispositivo guida il soccorritore durante tutte le fasi del soccorso tramite istruzioni vocali chiare ed eroga la scarica elettrica in grado di far ripartire il cuore. Un modo semplice, rapido e sicuro per salvare la vita di una vittima di arresto cardiaco.