La pilota è finita oltre le barriere a 276 km/h,  ma è sempre rimasta cosciente: operata per frattura spinale, ecco come sta Sophia Floersch.

Formula 3, Sophia Floersch operata

È durato 11 ore il delicato intervento per ridurre la frattura spinale della pilota del Team Van Amersfoort. Il lungo intervento chirurgico è servito a ridurre la frattura spinale riportata dopo il pauroso incidente di cui Sophia Floersch è stata vittima durante il Gran Premio di Macao, valido per la Coppa del Mondo di Formula 3. Undici ore di angoscia per il padre della pilota tedesca di 17 anni: pare che la figlia resterà monitorata nel reparto di terapia intensiva durante la notte, onde evitare complicazioni post-operatorie e intervenire tempestivamente. La ragazza si è fratturata la settima vertebra cervicale, ma il midollo spinale, per fortuna, pare non sia stato danneggiato.

A Macao, nel sud della Cina e nelle vicinanze di Hong Kong si è svolto il Gran Premio di Formula 3. L’incidente ha coinvolto la Floersch e altre 4 persone che sono state ferite non gravemente. Per la dinamica,  diciamocelo, poteva finire veramente male. Invece, la pilota è rimasta sempre cosciente e lunedì mattina è stata fissata la delicata operazione per ridurre la frattura a livello spinale.

Lesione spinale Sophia Floersch, gli scenari

Il recupero dopo una lesione del midollo spinale dipende dalla sede, chiamata livello in gergo medico e dall’entità del danno. Quanto più alto è il livello, tanto i tempi si prolungano. Una lesione a livello del torace o al di sotto di questa zona comporta debolezza o paralisi delle gambe, ad esempio. Una lesione a livello del collo comporta di solito debolezza o paralisi di tutti e quattro gli arti. Diverso il discorso se la lesione è nella parte alta del collo, perché qui si rischia la paralisi dei muscoli della respirazione. Si rende necessario quindi un ausilio per la respirazione meccanica. Inoltre, si perde notevolmente sensibilità al di sotto della frattura, oltre alla perdita del controllo della vescica e delle funzioni intestinali.

Sophia Floersch, appena 17 anni, è stata ingaggiata in Formula 3 come pilota della Van Amersfoort Racing. Dopo quattro giri del Gran Premio di Macao ha toccato involontariamente un’altra auto, guidata da Jehan Daruvala, ed è quindi andata a finire contro un’altra auto guidata da Sho Tsuboi. A causa di questo  secondo contatto a 276 chilometri orari, l’automobile si è alzata dall’asfalto volando fuori dal tracciato, contro un’area in cui c’erano anche alcuni fotografi e addetti al circuito. Oltre alla Floersch, sono rimasti feriti un pilota, due fotografi e un addetto al circuito. Dopo questo terribile incidente, il GP è stato fermato temporaneamente, ma poi è ripartito.

Come sta ora Sophia Floersch dopo l’operazione

Sicuramente, la ragazza dovrà seguire un percorso riabilitativo molto lungo per poter avere una ita normale. Per chi è stato affetto da lesioni simili, o ha dei problemi a livello muscolare o scheletrico. In alcuni casi, la lesione della Floersch può comportare un mal di schiena ricorrente che può essere alleviato con specifiche terapie facenti parte della branca della medicina fisica riabilitativa.

Ora, Sophia appare su Instagram per ringraziare tutti coloro che si sono preoccupati per la sua salute e che le augurano buona guarigione, oltre al suo team e alla sua famiglia. E una menzione d’onore per il telaio della Dallara: senza di esso, sicuramente la Floersch non ce l’avrebbe fatta.