Quando si parla del rapporto che lega internet e la salute si apre un dibattito tra chi considera il web una risorsa e chi invece un luogo ricco di insidie e cattiva informazione. È bene precisare che, come ogni canale di comunicazione, non è la connessione alla rete in sé ad essere pericolosa, quanto piuttosto l’utilizzo che se ne fa. A tal proposito, vi forniamo alcune dritte per sfruttare al massimo i vantaggi che la rete offre.

Come riconoscere le informazioni corrette

Innanzitutto sta all’utente riuscire a distinguere la corretta informazione dalle fake news, nel mare magnum di portali visibili sul web. Come riuscire a fare ciò? Partiamo col dire che se si avvia una ricerca online con lo scopo di conoscere meglio le caratteristiche di una determinata malattia, è opportuno accertarsi dell’autorevolezza della fonte. Non prendiamo per vere informazioni rilasciate da una persona che non può attestare le sue competenze in materia.

Optiamo per riviste scientifiche e articoli in cui sono adeguatamente riportate le fonti dello studio in oggetto, che ne mostrano l’attendibilità. Anche le malattie rare, inoltre, trovano online un loro spazio, poiché è possibile, attraverso un’adeguata ricerca, riuscire a mettersi in contatto con associazioni e studiosi di qualsiasi malattia. Ciò ci permette anche di essere aggiornati costantemente su studi scientifici e sperimentazioni in atto.

La medicina a distanza

Ricercare la diagnosi del proprio malanno online, raccogliendo informazioni qui e lì per farsi un’idea non è il modo giusto per trovare un nome ai propri sintomi. Le nostre competenze non possono sostituirsi a quelle del medico.

Tutt’altra storia è quella che interessa i vantaggi della telemedicina in Italia, grazie alla quale i pazienti richiedono consulti online, mediante skype, email e whatsapp, ai medici. Oggi più che mai il confronto immediato con uno specialista può essere di grande aiuto per ricevere informazioni e suggerimenti velocemente. Questo spiega anche perché oggi i medici sono chiamati ad una grande sfida, che li mette nelle condizioni di dover acquisire maggiore dimestichezza con il mondo digitale.

I vantaggi della telemedicina

La telemedicina comporta anche vantaggi di altra natura, come nel caso dei pazienti che hanno problemi a spostarsi o vivono in contesti isolati. Laddove il contatto tra medico e paziente non è indispensabile, si possono gestire meglio alcuni casi con un intervento più tempestivo. Insomma più investimenti sulle nuove tecnologie potrebbero rafforzare il sistema sanitario e, perché no, anche la salute degli italiani.