Una corretta alimentazione tiene al riparo da problemi fisici e di salute: mai affermazione potrebbe essere più vera, soprattutto alla luce dei recenti studi che hanno dimostrato il potenziale pericolo derivante dall’assunzione smodata di uova. In altre parole, mangiare troppe uova è pericoloso: esse possono causare, se assunte in quantità eccessive, ictus e infarto. Lo studio è stato condotto su un campione indicativo di americani, che ha dimostrato quale deve essere la corretta alimentazione per non rischiare in nessun caso.

Quali sono le principali cause dell’ictus

Quando si parla di ictus, qualunque sia il tipo o la denominazione precisa che si vuole utilizzare, si indica generalmente una perdita di funzione del cervello, determinata da un’insufficienza di sangue nell’area presa in considerazione. Sono tanti i fattori di rischio che possono portare all’insorgere di un ictus, i cui sintomi e manifestazioni sono spesso piuttosto chiari.

Tra le principali cause dell’ictus, a cui si unisce – dato lo studio americano sopraccitato – anche il consumo eccessivo di uova, ci sono:

  • sovrappeso
  • ipertensione
  • fumo
  • sedentarietà
  • diabete

A questi fattori assolutamente modificabili dal paziente si uniscono altri fattori irreversibili, come l’età, la predisposizione genetica e l’ambiente in cui si vive.

Le uova possono causare ictus e infarto: lo studio su 30mila americani

L’apporto negativo delle uova all’interno dell’alimentazione, se consumate in quantità eccessive, era già stato dimostrato precedentemente da diversi addetti ai lavori. Come ha già riportato la rivista britannica The Sun, infatti, un uovo di 50 grammi comporta un contenuto di circa 186 grammi di colesterolo.

La strada che ha portato a dimostrare la responsabilità delle uova in un alcune malattie cardiovascolari è durata più di 30 anni: l’Università di Massachussets Lowell ha impiegato 31 anni per studiare circa 30mila adulti. Il prezioso lavoro è servito a dimostrare che, chi consuma più di un uovo di media al giorno, rischia maggiormente di incorrere in malattie cardiovascolari.

Le percentuali non sono irrilevanti: il 17% delle persone studiate ha dovuto affrontare, in vita, ictus o infarto, a causa del consumo eccessivo di uova che ne ha determinato la comparsa.

La spiegazione di Katherine Tucker

Il motivo per cui le uova provocano, se consumate in quantità eccessive, la comparsa di malattie cardiovascolari è stato spiegato da Katherine Tucker, che ha coordinato il progetto e ha fornito delle indicazioni precise, al fine di condurre una vita sana attraverso un’alimentazione completa ma mai smodata.

Queste sono state le parole di Katherine Tucker: “Anche per le persone in diete sane, l’effetto dannoso di un maggior apporto di uova e colesterolo è stato costante”, a cui la Tucker ha aggiunto il consiglio di non consumare omelette di tre uova ogni giorno, benché le uova abbiano anche delle proprietà positive e nutritive.

Poi ha concluso: “La nutrizione è tutta una questione di moderazione ed equilibrio, questo è uno studio forte perché la modellizzazione si adatta a fattori quali la qualità della dieta”.