Lenti a contatto: come scegliere quelle più adatte alle proprie esigenze

lenti a contatto

Le lenti a contatto sono un prodotto dell’ingegneria ottica estremamente utile e diffuso tra milioni di persone.

Queste rappresentano un ottimo ausilio alla vista, perché sono vere e proprie lenti che si posizionano sulla cornea e consentono di correggere tutti i principali difetti visivi.

Sono molto utili, quindi, in caso di miopia, presbiopia, ipermetropia e astigmatismo.

La loro dimensioni ridotta le rende molto discrete e funzionali a risolvere molti dei più comuni fastidi legati agli occhiali, come fragilità, pesantezza, ingombro.

Aderendo completamente all’occhio, consentono, inoltre, di ampliare il campo visivo, permettendo a molti sportivi di praticare la loro disciplina e a tutte le persone con disturbi alla vista di eseguire le attività di tutti i giorni, con maggiore praticità.

Esistono differenti modelli, adatti a tutte le esigenze. Se ne possono trovare di morbide o rigide, usa e getta, fisse, colorate.

Si possono acquistare lenti a contatto online o presso l’ottico di fiducia. Sono facilmente reperibili e l’offerta è ampia e variegata.

Prima di acquistarle è bene precisare che vanno applicate su occhi sani ed è opportuno consultare l’oculista perché effettui una valutazione di compatibilità con i propri occhi e indichi la corretta gradazione.

Può tornare utile, quindi, una piccola guida per orientarsi alla scelta tra le diverse tipologie e individuare quello più adatto alle proprie esigenze.

Le principali caratteristiche delle lenti a contatto

Per scegliere le migliori lenti a contatto è importante conoscerne le caratteristiche.

In modo particolare, prima di acquistare i modelli che più desideriamo è fondamentale valutare la sopportabilità in base al coefficiente di permeabilità.

Questo numero misura la quantità di ossigeno che riesce a permeare attraverso le lenti a contatto, rendendole più tollerabili per i nostri occhi.

Maggiore sarà il valore di questa variabile e più ossigenato arriverà all’occhio l’occhio, permettendo di sopportare le lenti per più tempo.

Oltre a questo, bisogna poi prendere in considerazione anche la quantità di acqua contenuta nelle lenti, perché siano più confortevoli a contatto con gli occhi.

Sulla base di questi fattori si possono suddividere i modelli di lenti a contatto in due grandi categorie: rigide e morbide.

Le prime sono più sottili e meno invasive, consentono un buon passaggio dell’ossigeno, se sono semirigide, o una totale impermeabilità ai gas.

Quelle morbide, invece, si suddividono ancora in idrofile, che contengono molta acqua ma non permettono il passaggio dell’ossigeno, e non idrofile, con meno liquido a fronte di una migliore permeabilità ai gas.

Lenti a contatto e manutenzione

Per maneggiare le lenti a contatto serve una certa attenzione, per garantirne igiene e pulizia.

Vanno infatti manovrate con mani pulite e riposte sempre nella custodia, immerse nel liquido adatto alla loro sterilizzazione.

In commercio esistono molte soluzioni adatte alla pulizia, disinfezione, lubrificazione e conservazione delle lenti.

Si possono acquistare sia separatamente che sotto forma di un unico prodotto, da impiegare per i diversi utilizzi.

In linea di massima, prendersi cura delle lenti a contatto non richiede molto tempo, specie se si prediligono quelle usa e getta.