Sono molti gli effetti negativi dello stress e della tensione sul cuore. Gli esperti rivelano che le ultime evidenze scientifiche confermano come il continuo essere sottoposti a situazioni di stress possa far aumentare di più di due volte, circa di due volte e mezzo, il rischio di incorrere in un infarto. A rischio sono soprattutto gli uomini, specialmente se soffrono di patologie come lo scompenso cardiaco, il diabete o l’ischemia delle coronarie.

Come è stata effettuata la ricerca

Queste conclusioni sono il frutto di una ricerca che è stata condotta appositamente per valutare l’impatto dello stress e l’influenza psicologica sul cuore. Gli esperti hanno invitato i partecipanti a preparare un discorso e poi ad esprimerlo in pubblico. Durante questa attività hanno rilevato i valori della pressione arteriosa e della frequenza dei battiti.

È stato misurato anche il livello dello stress, rapportandolo a quegli standard che sono rilevati nei momenti in cui si effettua l’attività fisica. È stato così evidenziato che il 16% dei soggetti, quelli più particolarmente emotivi, ha sviluppato, a causa della pressione psicologica, dei disturbi alle coronarie.

In particolare una persona su dieci è risultata esposta a rischi tipici. Nel corso di cinque anni l’8% delle persone sottoposte a stress mentale è deceduto.

Cosa fare per rimediare

I medici pensano quindi a cercare quali possano essere i rimedi più adatti per risolvere situazioni di questo tipo. Suggeriscono di prendere delle contromisure specifiche, come la pratica della meditazione, dello yoga e dell’attività fisica moderata a livello aerobico. La ricerca è stata condotta presso l’Università Emory di Atlanta.