Potrebbe capitare di fare qualche strappo alla regola e ritrovarsi a consumare uno spuntino durante le ore notturne. Ma non si tratta di una buona abitudine, a detta degli esperti, che hanno provato come mangiare di notte possa accrescere il rischio di diabete. Gli scienziati ritengono che proprio il cibo nelle ore notturne potrebbe essere un meccanismo che potrebbe stare alla base delle alterazioni del metabolismo.

Come è stata condotta la ricerca

Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Science Advances, ha preso in esame le abitudini di un gruppo di giovani, per vedere come risponde l’organismo quando si mangia di notte. Gli esperti avrebbero riscontrato una sorta di alterazione dell’orologio biologico. I giovani che hanno partecipato alla ricerca sono stati divisi in due gruppi, di cui uno composto da individui che consumavano pasti nelle ore notturne.

Si è potuto così vedere che nei soggetti che avevano mangiato di notte si innalzava il livello della glicemia. Non è tanto quanto si mangia o cosa si mangia, ma il problema è quando lo spuntino notturno diventa un’abitudine.

Dormire è importante per il controllo del metabolismo

Il nostro metabolismo sembra essere un ingranaggio messo a punto per funzionare secondo ritmi ben precisi. Ecco perché di solito si tende a dormire di notte e si evita l’alimentazione. Infatti gli scienziati ritengono che dormire bene per il tempo giusto potrebbe essere anche una sorta di controllo per altre funzioni, come il controllo del peso corporeo e il rischio di sviluppare il diabete.