Alcuni farmaci non oncologici già utilizzati per il trattamento di differenti patologie potrebbero avere delle proprietà antitumorali. Un gruppo di studiosi degli Stati Uniti ha dimostrato queste potenzialità di ben 49 medicinali diversi, sottoponendo ad uno studio preciso più di 4.500 molecole e tenendo conto dell’azione su molte cellule tumorali. È risultato che alcuni farmaci riuscivano ad attivare delle azioni con proprietà antitumorali, uccidendo alcune cellule.

La scoperta relativa a 49 farmaci già usati

Tra i farmaci non oncologici in questione rientrano medicinali di diverso genere, approvati già dall’ente di regolazione americano Food and Drug Administration. La scoperta è relativa ad alcuni medicinali già usati per il trattamento di altre patologie.

Si tratta di medicinali utilizzati contro l’infiammazione, contro il diabete e anche per trattare l’artrite in alcuni animali. I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista specializzata Nature Cancer, hanno mostrato che i farmaci in questione riuscivano ad avere un tasso abbastanza elevato di azione contro lo sviluppo dei tumori.

Le dichiarazioni degli scienziati

Todd Golub, uno degli scienziati che si sono occupati dello studio, ha commentato dicendo che i ricercatori sono rimasti sorpresi del fatto che sono stati trovati molti composti con queste proprietà antitumorali.

In una fase iniziale infatti gli scienziati pensavano di essere stati fortunati se avessero trovato anche un solo composto con questi effetti contro i tumori.

Secondo gli esperti la ricerca ha messo in evidenza dei risultati molto interessanti, anche se sono necessari ulteriori studi per comprendere l’effettiva applicazione nel trattamento clinico dei pazienti. Le prospettive per ulteriori ricerche future ci sono tutte.