Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sullo stiramento inguinale, un vero e proprio trauma a carico dei muscoli di questa area precisa del corpo. Si tratta di un problema che interessa in maniera particolare chi svolge spesso attività fisica o sport. Pensiamo ad esempio al caso di chi pratica il calcio o il ciclismo. In realtà però dobbiamo dire che lo stiramento inguinale è un problema che può presentarsi anche in coloro che non effettuano esercizio fisico con grande intensità. Sono diverse infatti le cause che possono stare alla base dello stiramento inguinale. Scopriamo tutti i dettagli su questo evento traumatico che può colpire i muscoli dell’area inguinale.

Sintomi dello stiramento inguinale

Come abbiamo già indicato in precedenza, si tratta di un trauma che interessa le fibre muscolari dell’area inguinale. Queste fibre muscolari possono allungarsi, modificando il tono muscolare e a volte causando una vera e propria lesione. Si tratta di un problema che si situa a metà tra la contrattura e lo strappo, per quanto riguarda la gravità del disturbo.

In genere non vengono totalmente impediti i movimenti, anche se in molte situazioni si può presentare una sensazione di dolore, che spesso interessa anche l’area più bassa dell’addome. Il dolore in alcune situazioni più gravi potrebbe presentarsi anche quando il soggetto è a riposo, in piedi o quando si siede.

La sensazione dolorosa in certe situazioni può essere accompagnata anche da un senso di calore, che parte proprio nell’area inguinale e si manifesta quando vengono effettuati movimenti con le gambe. Nel momento in cui si verifica lo stiramento inguinale, di solito si avverte un dolore molto intenso, come avviene anche ad esempio nel caso dello strappo alla schiena.

Cause dello stiramento ai muscoli dell’inguine

Ma andiamo a vedere nello specifico quali possono essere le cause dello stiramento inguinale, quei fattori di rischio che potrebbero essere determinanti nello sviluppo di un trauma di questo tipo a carico del nostro organismo.

Senza dubbio una delle possibili cause è quella che può essere rintracciata nel riscaldamento insufficiente o assente prima di iniziare una sessione di attività fisica.

Naturalmente lo stiramento muscolare inguinale si può presentare anche in altre occasioni, ad esempio quando vengono effettuati dei movimenti poco naturali ed improvvisi, anche se con una durata non molto lunga.

La prima cosa da fare, proprio per le cause che stanno alla base dello stiramento inguinale, consiste nell’interrompere immediatamente l’attività fisica che si sta svolgendo. È un aspetto fondamentale da tenere in considerazione, per evitare di rendere ancora più grave il problema che si è verificato.

Anche se non si tratta di un disturbo molto grave, è davvero importante interrompere in maniera immediata ogni esercizio fisico che si sta svolgendo, in maniera particolare se riguarda le gambe. L’obiettivo è proprio quello di non causare la presenza di condizioni ancora più gravi che potrebbero determinarsi continuando a svolgere attività fisica.

L’attività fisica deve essere sospesa anche prima di chiedere consiglio al medico di fiducia o ad un fisioterapista. È una precauzione davvero fondamentale.

Cosa fare in caso di questo trauma

Come abbiamo già ricordato, interrompere immediatamente ogni esercizio fisico che si stava svolgendo è necessario per evitare di aggravare la situazione. Il riposo in generale è uno dei passaggi che devono essere svolti e che sono fondamentali per procedere al trattamento del problema.

Il periodo di riposo deve essere seguito almeno per quattro settimane in seguito al verificarsi della lesione ai muscoli dell’inguine. Rivolgendosi ad un medico esperto, si può anche ottenere qualche consiglio utile in merito alla terapia da seguire per favorire la guarigione.

Ad esempio il medico potrà prescrivere dei farmaci antinfiammatori o dei medicinali con effetto miorilassante, con l’obiettivo di aiutare il trattamento dello stiramento muscolare.

È opportuno informarsi anche dell’opportunità di effettuare delle sedute di fisioterapia, attraverso la cosiddetta ginnastica riabilitativa. Potrebbe essere necessario procedere con questo tipo di trattamento quando la situazione dello stiramento è un po’ più grave.

I medicinali prescritti dal medico in realtà non servono a curare il disturbo nel senso più stretto del termine, ma costituiscono un valido aiuto per trovare sollievo dal sintomo principale, che è costituito proprio dalla sensazione di dolore che si prova.

Anche il fisioterapista può essere d’aiuto, per creare un vero e proprio piano di trattamenti da seguire e perché può consigliare quali azioni effettuare per risolvere il problema nel minor tempo possibile. Il fisioterapista ti consiglierà anche quali sono i movimenti che non devi effettuare, perché potrebbero andare contro il normale processo di recupero da parte delle fibre muscolari interessate dalla lesione.

L’esperto ti potrà consigliare anche come agire nel senso della prevenzione del problema, portando avanti ad esempio gli adeguati esercizi di postura che possono aiutare a svolgere correttamente attività fisica evitando che torni a presentarsi lo stiramento inguinale.

Ricordiamo che, nel caso in cui questo trauma dovesse essere abbastanza frequente, sarebbe opportuno parlare proprio con il fisioterapista per individuare gli errori che si compiono costantemente nello svolgimento dell’esercizio fisico, valutando anche la possibilità di modificare la tipologia di sport svolta.