Secondo quanto riferiscono gli scienziati, un vaccino antitumorale sottoposto a test presso la Mayo Clinic ha debellato le cellule del cancro in una paziente con carcinoma mammario.

Un esperimento singolare su un paziente

Il paziente, residente in Florida è il primo in assoluto a partecipare a una sperimentazione clinica per un nuovo vaccino. Ha meritato di prendere parte all’esperimento dopo che gli hanno diagnosticato il primo stadio della malattia lo scorso marzo..

“La cavia” era affetta da un carcinoma mammario “DCIS stadio zero”, il che significa che le cellule tumorali non si erano ancora diffuse. Aveva per tanto tre opzioni: fare una lumpectomia in cui vengono rimosse le cellule tumorali, sottoporsi a una mastectomia in cui vengono rimossi i seni o partecipare a una sperimentazione clinica per un vaccino potenzialmente salvavita per uccidere le cellule e impedire loro di tornare.

L’esito della cura

“Si suppone che il vaccino stimoli la risposta immunitaria di un paziente in modo che le cellule immunitarie come le cellule T entrino e attacchino il cancro“, ha affermato la dott.ssa Saranya Chumsri, oncologa del centro medico di fama mondiale.

Il processo curativo comunque non è stato semplice o sicuro. Resta il fatto che fino ad ora c’erano molti dubbi sulla sua efficacia. In fondo si tratta di un farmaco ancora non uscito dai laboratori, per cui bisogna capire se i pazienti possano o meno rispondere bene.

Inoltre c’è da aggiungere che alla paziente era comunque richiesto di sottoporsi a una mastectomia per assicurarsi che tutto fosse rimosso correttamente. I ricercatori avrebbero dovuto infatti sapere la consistenza del tessuto mammario per far accedere la donna al corretto funzionamento del vaccino.

Il trattamento adesso sarà utilizzato anche su un altro paziente che, secondo quanto riferito, già dà i primi segni di risposta positiva. Chumsri ha affermato che anche gli studi clinici per pazienti con altre fasi del cancro stanno mostrando buoni risultati.