L’Agenzia Italiana del Farmaco ha dato il via libera, grazie al parere della commissione tecnico scientifica, all’utilizzo del vaccino anti Covid di AstraZeneca per le persone che hanno fino a 65 anni di età e che sono in buone condizioni di salute. La novità arriva dopo la richiesta da parte del ministro Speranza. Il parere della commissione dell’Aifa è arrivato tenendo conto delle indicazioni che erano già state espresse in merito all’approvazione del vaccino in questione per coloro che hanno meno di 55 anni di età.

Attesa la circolare del Ministero della Salute

In pratica veniva specificato che risulta favorevole il rapporto tra benefici e rischi del vaccino in questione anche nelle persone con un’età maggiore di 55 anni che non abbiano specifici fattori di rischio.

Dopo il parere della commissione tecnico scientifica dell’Aifa adesso dovrebbe essere messa a disposizione un’apposita circolare da parte del Ministero della Salute, che è attesa proprio in questi giorni e che permetterà di saperne di più in merito alle nuove indicazioni sull’argomento.

Le indicazioni sul vaccino

È da specificare che alle persone più fragili e agli anziani dovranno essere invece somministrati i vaccini cosiddetti a mRNA, quelli di Moderna e di Pfizer. In particolare è stato specificato che, nel caso del vaccino di AstraZeneca, è prevista una seconda somministrazione in un periodo di tempo dalle 4 alle 12 settimane, con delle modalità che sono risultate efficaci per prevenire la malattia con sintomi, evitando casi gravi e il ricovero dopo 14 giorni rispetto alla seconda dose.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato l’utilizzo del vaccino anche negli Stati in cui attualmente prevalgono delle nuove varianti del virus.