La verruca al piede è una piccola escrescenza della pelle che ha come caratteristica principale il fatto di essere piuttosto ruvida. È simile ad un ispessimento della cute ed ha una colorazione che spesso va dal giallo al grigio. Per quanto riguarda la dimensione, possiamo dire che le verruche ai piedi possono andare da pochi millimetri fino a circa un centimetro.

Inoltre possiamo distinguere le verruche al piede come escrescenze singole o come multiple. Vediamo attraverso questa guida come riconoscerle e cerchiamo di capire, oltre alle cause, come possa avvenire il contagio. Inoltre specifichiamo quali sono i tipi di trattamenti a cui ci si può sottoporre, dopo aver consultato un dermatologo esperto.

Verruche plantari: come riconoscerle

Possiamo dire che non esiste un modo specifico per riuscire a riconoscere fin da subito la formazione di una verruca plantare. Infatti, se sospettiamo di avere delle verruche alle dita dei piedi, per ottenere una diagnosi precisa l’unica cosa da fare è quella di rivolgersi ad un dermatologo.

In genere la verruca al piede può essere distinta fra verruche volgari e verruche piane. Le prime possono essere comuni e vanno intese come porri. Questi, oltre ad interessare i piedi, spesso compaiono anche sulle mani e possono interessare anche i gomiti e le ginocchia.

Ci sono poi più specificamente, fra le verruche volgari, quelle plantari, che interessano in particolare la pianta del piede. Di solito si tratta di un prodotto di questo genere, quando avvertiamo una sensazione di dolore mentre camminiamo.

Un tipo particolare di verruca plantare è quella periungueale, che si forma vicino alle unghie. La verruca al piede può essere anche verruca a mosaico, che in genere tende a formare delle placche specialmente sotto il piede.

Ci sono poi le verruche filiformi, per completare la classificazione, che hanno una forma allungata. Spesso però questo tipo di verruca non interessa specificamente il piede, ma più che altro il viso. A livello genitale possiamo distinguere le verruche che si chiamano condilomi.

Per quanto riguarda invece le verruche piane, possiamo dire che esse sono dalle dimensioni generalmente più piccole. In genere non vengono classificate come vere e proprie verruche, ma si manifestano come delle piccole papule che hanno un colore molto simile a quello della pelle.

Quali sono le cause della verruca al piede

La verruca al piede, ma in generale le verruche sono spesso dovute all’infezione virale di alcuni ceppi del virus Papilloma. È lo stesso agente patogeno che riscontriamo per esempio nel caso delle lesioni che si riscontrano nella cervice uterina. Tuttavia, a differenza di queste ultime, le verruche sono lesioni benigne. Infatti i papillomi si distinguono in diversi ceppi, alcuni dei quali hanno un basso rischio.

Come avviene il contagio

Poiché la verruca sotto il piede spesso è il frutto di un’infezione, c’è da tenere presente che può essere contagiosa. Ci si può contagiare tramite un contatto diretto con le verruche di un’altra persona oppure toccando le proprie e poi passando le mani in un’altra parte del corpo, secondo un processo che è noto come auto-inoculazione.

A volte il contagio può avvenire anche per l’uso non igienico di asciugamani, di accappatoi e di oggetti che vengono utilizzati per la cura delle unghie. Per esempio spesso si verifica il contagio in luoghi come piscine e centri sportivi.

Verruche plantari: come curarle

Esaminiamo adesso quali sono i rimedi per le verruche ai piedi. Nonostante la verruca al piede sia molto contagiosa, è possibile, dopo esserci rivolti ad un dermatologo specializzato, porre rimedio al loro proliferare.

È da dire che la verruca al piede non è così facile da eliminare completamente, perché ha un rischio di recidiva molto alto. In molti casi la verruca al piede, specialmente quando si tratta di una tipologia comune, tende a regredire spontaneamente, anche se ci vuole molto tempo, da uno a cinque anni.

Il consiglio di un dermatologo è sempre essenziale, soprattutto per evitare che possa proliferare il contagio. Quindi da questo punto di vista sarebbe importante sottoporsi a dei trattamenti per debellare completamente il virus.

Il dermatologo può consigliare di utilizzare delle sostanze a base di acido salicilico. Si tratta di pomate che vanno applicate direttamente sulla verruca al piede. In genere queste pomate funzionano molto rapidamente, perché determinano la scomparsa della verruca in poche settimane.

Tuttavia sono sconsigliati i trattamenti fai da te, perché esistono tante pomate di questo genere e la scelta deve essere fatta dal medico in base al paziente e al tipo di verruca da trattare.

A volte il medico può procedere ad eliminare la verruca al piede con un particolare strumento che si chiama curette. Quando la verruca è particolarmente difficile da eliminare, si può ricorrere alla crioterapia oppure alla terapia fotodinamica.

Soltanto in casi particolari si sceglie di ricorrere al trattamento chirurgico, che comporta l’uso del laser CO2. Tuttavia è un trattamento più invasivo che si esegue sottoponendosi ad anestesia locale.

I consigli per la prevenzione

È molto importante cercare di puntare sulla prevenzione. A questo proposito infatti valgono alcuni consigli da non dimenticare per evitare il più possibile di esporsi al virus. Bisognerebbe evitare di camminare scalzi, specialmente in luoghi pubblici in cui c’è la presenza di acqua o di umidità, come, per esempio, nel caso delle piscine. Infatti è provato scientificamente che le condizioni di umidità rendono più facile la penetrazione del virus all’interno dell’organismo e la sua proliferazione.

È essenziale prestare attenzione ad un’igiene personale adeguata, evitando di condividere con altre persone biancheria intima, asciugamani o forbicine per le unghie.

Inoltre bisognerebbe evitare di avere ferite alla pelle, perché queste possono rendere più facile la formazione delle verruche.

Seguendo tutti questi consigli è possibile effettuare una corretta opera di prevenzione. In ogni caso, in presenza di una verruca al piede, è sempre opportuno rivolgersi ad un dermatologo e non affidarsi a rimedi fai da te.

Solo in questo modo è possibile avere a disposizione dei consigli adeguati su come eventualmente procedere al trattamento del problema, evitando di procurare danni alla pelle e seguendo delle strategie che si adattano ad ogni specifico tipo di verruca con cui possiamo avere a che fare.