Il versamento al ginocchio indica un particolare disturbo che in certi casi può essere davvero molto comune. Quando si parla di versamento al ginocchio si intende il fatto che si verifica un accumulo di liquidi a livello dell’articolazione.

Il risultato consiste in una sensazione di dolore molto forte. In un caso di questo genere, quando il dolore al ginocchio si manifesta con una certa frequenza e tende a persistere, dovresti sempre fare riferimento al tuo medico di fiducia, per analizzare le cause che stanno alla base della condizione dolorosa.

Il tuo medico di famiglia ti può indirizzare anche verso uno specialista ortopedico, in modo da valutare se si tratti veramente di un versamento al ginocchio. Ma quali sono i sintomi più comuni di questo disturbo e quali sono le cause che ne stanno alla base? Andiamo a fare chiarezza su questi punti.

Quali sono i sintomi del versamento al ginocchio

Il sintomo più evidente del versamento al ginocchio consiste in un dolore molto intenso che si verifica in corrispondenza dell’articolazione. Proprio a causa del dolore molto forte, spesso il paziente ha difficoltà nel rimanere in piedi e nel camminare.

Accanto a questo sintomo particolarmente evidente, ce ne possono essere anche altri, come il gonfiore dell’articolazione e la rigidità.

Le cause del versamento

Sono molte le cause che possono stare alla base del versamento al ginocchio. In genere si tratta di fattori la cui natura è principalmente traumatica. Se analizziamo le cause, ci accorgiamo che di solito sono davvero circoscritte, anche se a volte il versamento può essere originato da condizioni patologiche che interessano l’organismo in senso più generale.

Possiamo fare quindi una distinzione tra cause circoscritte del versamento al ginocchio e cause più estese all’intero organismo o ad altre parti di esso, che non riguardano direttamente l’articolazione dolorante.

Fra le cause circoscritte possiamo ricordare la presenza di una cisti al ginocchio, di una borsite o di condizioni di infezioni che hanno colpito proprio l’articolazione in oggetto.

Per quanto riguarda invece le tipologie che interessano l’intero organismo e che possono avere come conseguenza il versamento al ginocchio, possiamo ricordare l’artrosi, l’artrite reumatoide, la gotta e anche l’emofilia, oltre a tutte le altre malattie che coinvolgono i processi di coagulazione del sangue.

Ci sono poi delle cause che sono rapportabili a dei danni veri e propri che interessano le strutture dell’articolazione. Per esempio a questo proposito possiamo citare la rottura del menisco o della rotula, lo stiramento o la rottura di un legamento, l’infiammazione di un tendine.

I fattori di rischio

Alcuni fattori di rischio sono indicati come condizioni che possono favorire il versamento al ginocchio. Per esempio fra questi fattori bisogna ricordare il fatto di praticare sport, soprattutto quelli che agiscono ripetutamente nel sollecitare le articolazioni o quelli che possono essere alla base di traumi da contatto.

Il versamento che interessa il ginocchio può causarsi anche più facilmente nelle persone che sono in sovrappeso. Un altro fattore di rischio è rappresentato dall’età, visto che di solito un’età superiore ai 55 anni può rendere più esposti alla probabilità di andare incontro a certe patologie alla base di questo disturbo. Anche il fatto di seguire terapie anticoagulanti può aumentare il rischio di soffrire di versamento al ginocchio.

I trattamenti terapeutici per il versamento

Per il versamento al ginocchio cosa fare? Il versamento al ginocchio come si cura? Qual è il tipo di trattamento terapeutico più adatto a risolvere questa condizione? Scopriamo alcuni rimedi per il versamento al ginocchio.

La terapia va stabilita in accordo con il medico curante. In genere i trattamenti per questo disturbo possono prevedere una cura farmacologica, che serve soprattutto a trattare i sintomi. Quindi per esempio si possono prendere gli antidolorifici per lenire il forte dolore.

A volte il medico può consigliare di eseguire l’artroscopia, che in certi casi costituisce anche un metodo diagnostico. Molte volte proprio l’artroscopia può costituire un’operazione adatta a risolvere le cause che stanno alla base della condizione patologica, come per esempio l’artrite reumatoide.

Nei casi più gravi, quando le altre terapie non portano a dei risultati concreti e fruttuosi, l’ortopedico può consigliare di mettere in atto un intervento chirurgico che ha come obiettivo l’inserimento di una protesi al ginocchio.

Molte volte il trattamento consigliato consiste però nella cosiddetta artrocentesi. Questa tecnica ha scopi diagnostici, ma può essere utilizzata anche come terapia per eliminare il liquido che si è accumulato all’interno dell’articolazione del ginocchio.

Ti consigliamo soprattutto comunque la prevenzione, indossando tutori e protezioni soprattutto quando pratichi attività fisica. Inoltre è raccomandabile tenere nella norma il peso corporeo, seguendo un’alimentazione sana ed equilibrata.

Se hai un’età superiore ai 55 anni, consulta il tuo medico e segui le indicazioni che ti dà proprio a scopo preventivo. Se pratichi sport con una certa frequenza, ti converrebbe rinforzare i muscoli delle cosce, proprio per evitare di causare problemi alle ginocchia. Stai particolarmente attento se nel passato hai subito un trauma al ginocchio e segui quindi a questo proposito i consigli del tuo medico di fiducia, soprattutto quando pratichi attività fisica.