Quante volte nel corso della nostra vita abbiamo sentito parlare di problematiche legate al colesterolo? Senza ombra di dubbio, davvero tante. Questo dato non è casuale, ma è legato al fatto che il colesterolo alto è uno dei mali più comuni nella nostra società, e non deve assolutamente essere preso sottogamba. Una percentuale incredibile di persone ne soffre: ma come è possibile?

Se è vero che una buona parte delle persone affette da questa problematica lo devono ad un fattore genetico, per un’altra vasta percentuale le principali cause sono da rintracciare sostanzialmente nello stile di vita che queste conducono: non salutare e in alcun modo atto a ridurre il colesterolo, combattendolo. Proviamo a vedere come può essere perseguito questo obiettivo.

I consigli alimentari

Gli aspetti sui quali è necessario lavorare per mettere in atto il processo in questione sono fondamentalmente due: quello legato al regime alimentare e quello che riguarda invece l’attività fisica. Esistono ovviamente anche altri aspetti da valutare, ma non si può prescindere dai due fattori citati. Prendiamo quindi in considerazione il primo, quello connesso al cibo.

Una corretta alimentazione è fondamentale a prescindere, per evitare tutta una serie di problematiche ulteriori come per esempio quelle cardiovascolari. Ancor più essenziale però è per tutti quei soggetti che vogliono ridurre per l’appunto il colesterolo alto: seguire una dieta equilibrata e basata sull’attenersi, in maniera fedele, ad una serie di principi e vincoli è assolutamente necessario.

Questo non significa che i soggetti a rischio non possano godersi la bontà dei pasti, anzi: dovranno solo rimodellarli secondo alcuni limiti e paletti. Tra tutti, cruciale risulta aumentare in maniera sostanziosa il consumo di verdura e frutta (almeno due volte al giorno) ma anche dei legumi. Dall’altra parte invece, limitare l’assunzione di tutta una serie di prodotti: tutti gli alimenti zuccherati – bibite incluse – e troppo grassi o unti in termini di condimento, le uova, i piatti pronti, gli insaccati e gli alcolici.

A questo proposito sono in realtà da sottolineare per esempio i benefici del vino per la salute: non si tratta quindi di alimenti che è assolutamente vietato consumare, ma che devono essere dosati con attenzione. Allo stesso modo i prodotti caseari non sono tutti vietati, ma è consigliabile mangiare solo quelli magri o scremati. Bisogna poi bere molta acqua naturale e prestare attenzione ai metodi di cottura: evitare la frittura.

I rimedi naturali e l’attività fisica

La dieta di cui abbiamo parlato fino a questo momento può in realtà essere ulteriormente integrata attraverso una serie di rimedi naturali, tra le quali spiccano soprattutto tutte le sostante antiossidanti: tra queste le più note ed importanti sono sicuramente le Vitamine B, C ed E. Ma altri prodotti molto utili possono essere il riso rosso fermentato, per via del fatto che contiene la monacolina K, e tutti gli integratori che lo utilizzano come base. Sulla stessa scia si colloca anche la lecitina di soia.

Abbiamo parlato in abbondanza del regime alimentare e nutrizionale che bisognerebbe seguire per combattere e ridurre il colesterolo alto, ma questo aspetto deve essere integrato da una serie di altre attività che si dimostrano allo stesso modo estremamente importanti. Su tutte, sicuramente è l’attività fisica ad assumere il ruolo centrale: il movimento aiuta molto infatti in questo senso, e contribuisce proprio a ridurre le problematiche legate a questo ambito.

Le attività più consigliate sono quelle di tipo aerobico, che anche in questo caso necessitano però di una certa costanza: almeno due o tre volte a settimana. Più in generale è molto importante seguire uno stile di vita il più attivo possibile, che ci permetta in sostanza di rimanere quanto più possibile in movimento.