Mentre l’intero pianeta continua a fare i conti con la crescita dei contagi dell’infezione da coronavirus, arrivano nuove notizie in merito allo sviluppo di un possibile vaccino contro il Covid 19. L’EMA, Agenzia Europea del Farmaco, ha infatti comunicato in via ufficiale l’avvio della fase che potrebbe portare all’autorizzazione del vaccino dell’azienda BioNTech.

Al via la nuova fase per l’autorizzazione

Si tratta in particolare del secondo candidato vaccino ad avere iniziato questa importante fase, dopo l’annuncio recente relativo al prodotto che AstraZeneca sta sperimentando insieme all’Università di Oxford.

Adesso prende il via anche il processo per l’autorizzazione del candidato vaccino di BioNTech. Sarà avviata infatti la procedura chiamata “rolling review“, che consentirà di effettuare una precisa revisione dei dati.

Il prodotto, chiamato BNT162b2, è messo a punto dalla società tedesca BioNTech in collaborazione con Pfizer. L’analisi in questione viene effettuata a partire da studi clinici precoci e studi di tipo non clinico che sono stati portati avanti su adulti.

Gli studi sul candidato vaccino

Secondo questi studi, il vaccino in questione favorirebbe la produzione di cellule del sistema immunitario e di anticorpi capaci di contrastare il coronavirus.

La nota degli esperti suggerisce che nel corso del tempo saranno forniti dei risultati precisi sull’efficacia del vaccino che proverranno direttamente dagli studi clinici su larga scala. Allo studio ci saranno anche le informazioni sulla qualità del prodotto e sulla sicurezza. Saranno analizzati anche gli ingredienti e le modalità relative alla produzione.

Questo candidato vaccino agirebbe permettendo all’organismo di trattare la proteina prodotta come un corpo estraneo e quindi, secondo quanto specificano gli esperti, l’organismo stesso produrrà le difese naturali contro il virus.