In Olanda gli esperti stanno studiando il primo farmaco che sarebbe in grado di aggredire il coronavirus. Si tratta, nello specifico, di un anticorpo che sarebbe in grado di riconoscere la proteina che il virus utilizza per infettare le cellule respiratorie dell’uomo. Tuttavia ci sarà ancora da attendere, perché gli stessi ricercatori hanno spiegato che, prima di poter essere utilizzato, il farmaco dovrà essere sperimentato nel corso di vari mesi.

Come agisce il farmaco contro il coronavirus

Secondo ciò che hanno riferito gli stessi studiosi, il possibile farmaco che potrebbe riuscire a neutralizzare il coronavirus avrebbe la capacità di contenere i principi attivi che si legano alla proteina che si trova sulla superficie del virus.

L’anticorpo monoclonale, legandosi a questa proteina, impedirebbe all’agente patogeno di agganciare le cellule e quindi il coronavirus non potrebbe più penetrare all’interno delle cellule umane per replicarsi.

Ecco perché i ricercatori sono convinti che questo anticorpo avrebbe delle potenzialità molto importanti sia per il trattamento che per la prevenzione dell’infezione da coronavirus. Quindi rappresenterebbe una vera e propria arma di difesa per cercare di ridurre le conseguenze incredibili che si stanno affrontando a causa del diffondersi dell’epidemia.

Sul campo delle cure si lavora su più fronti

Attualmente i medici cercano di utilizzare diversi sistemi per riuscire a curare i pazienti infettati. Per esempio si utilizzano i farmaci che agiscono di solito nel tenere sotto controllo l’Aids e poi il farmaco antireumatico che ha dato buoni risultati su due pazienti gravi che sono stati curati a Napoli.