Il dolore all’anca è un sintomo specifico che può avere diverse cause. A volte proviamo dolore all’anca, ma non sempre riusciamo ad identificare in modo diretto da che cosa questa sensazione di dolore può derivare. In molti casi, quando si verificano dei problemi all’anca, infatti, si può riscontrare una sensazione di dolore in aree del corpo come le gambe, anche fino al ginocchio, oppure come l’inguine.

Spesso, quindi, non si può parlare in modo diretto di dolore all’anca, a meno che comunque non siano presenti dei traumi a carico della testa femorale. Si tratta comunque di un’area del corpo che può essere spesso soggetta a disturbi e il dolore viene a volte avvertito nell’area inguinale o a carico delle articolazioni.

Ma quali sono le possibili cause di quello che viene percepito come dolore all’anca? È un sintomo molto fastidioso, che sicuramente deve essere posto sotto attenzione. Scopriamo i possibili motivi per i quali potrebbe insorgere questa sensazione dolorosa e cosa fare per trovare un rimedio preciso.

Le cause del dolore all’anca

Quali sono dei dolori alle anche cause e fattori di rischio? I dolori all’anca possono essere rapportati, come abbiamo già visto, a diversi fattori. In alcuni casi, ad esempio, si potrebbe parlare di usura cartilaginea. Le anche potrebbero infatti subire dei traumi che derivano proprio dall’usura delle cartilagini. Con il passare degli anni e con i continui movimenti, se queste importanti parti del corpo non sono tutelate in modo opportuno, potrebbero dar luogo proprio a dolore. Anche perché dobbiamo ricordare che questa parte del corpo è davvero importante e svolge una funzione di sostegno per la schiena notevole, che potrebbe avere delle conseguenze nel corso del tempo.

Un altro problema che riguarda il dolore all’anca e che potrebbe sorgere con il trascorrere degli anni è quello relativo alla coxartrosi. Si tratta di una vera e propria condizione di artrosi dell’anca, che può determinare, come sintomo notevole, la presenza di dolore all’inguine, specialmente nel momento in cui si effettuano i consueti movimenti per camminare. Non si tratta comunque di un problema che insorge soltanto in età avanzata, visto che anche nei giovani potrebbero verificarsi dei dolori che indicano la presenza di un primo stato di infiammazione.

Proprio l’infiammazione potrebbe costituire una delle cause dei dolori che si avvertono in questa parte del corpo. Quando si prova una sensazione di dolore all’anca, infatti, a volte potrebbe essere un problema che interessa il gluteo medio e non l’articolazione dell’osso. In alcune situazioni si può verificare una vera e propria tendinopatia, un’infiammazione dei fasci muscolari.

Queste sono alcune delle possibili cause che interessano l’anca e gli apparati del corpo che entrano a far parte di questa area del nostro organismo. Possono comunque essere presenti altre patologie che riguardano l’anca o le articolazioni, ma anche i muscoli di questa zona del corpo, che possono assumere forme diverse e possono determinare dolori alle anche, sia dolore all’anca destra che dolore all’anca sinistra.

I fattori di rischio possibili

Sono diversi i possibili fattori di rischio che potrebbero portare a sviluppare alcune patologie che determinano anche, fra i sintomi, il dolore all’anca. Pensiamo per esempio all’età, come abbiamo già indicato. Ma alla base ci possono essere anche elementi di tipo ereditario, oltre che l’obesità e la pratica di attività fisica intensa o di lavori pesanti che implicano la manualità.

Anche questi fattori di rischio vanno valutati con attenzione per poter giungere ad una diagnosi specifica e ad un trattamento adeguato, sulla base del problema che sta alla base del dolore che si manifesta in questa parte del corpo.

L’importanza di una corretta diagnosi

Anca e dolore: cosa fare? Se si ha una sensazione di dolore al femore e si sta cercando un rimedio valido, per prima cosa è essenziale sempre rivolgersi ad un medico specializzato. Solo con una corretta diagnosi, infatti, è possibile comprendere quali siano le cause che stanno alla base della sensazione di dolore.

Naturalmente i rimedi da adottare sono differenti e possono variare tenendo conto della causa che scatena l’insorgenza del sintomo in questione. In particolare bisognerebbe rivolgersi al medico in diverse situazioni, ad esempio quando il dolore è acuto e forte oppure quando diventa cronico.

L’esperto, per arrivare ad una diagnosi, anche attraverso degli esami diagnostici specifici, raccoglierà in una fase iniziale tutti i dettagli in merito alla tipologia del dolore, alla durata nel corso del tempo e ad eventuali altri sintomi che il paziente riscontra insieme al dolore all’anca. Con un esame obiettivo il medico sarà in grado di valutare qual è lo stato generale dell’articolazione nel suo complesso.

Il medico potrà di conseguenza richiedere ulteriori approfondimenti di tipo diagnostico, con esami specifici che possano individuare quali sono le cause che stanno alla base del dolore all’anca. Si può trattare quindi di esami del sangue, ma anche di altri esami specifici, come la risonanza magnetica, la radiografia o la tomografia computerizzata.

I rimedi possibili da adottare

Il dolore in questione, chiamato anche coxalgia, come abbiamo visto, può avere diverse cause e, per trovare il rimedio più adeguato, è fondamentale effettuare una corretta diagnosi. I rimedi possono essere diversi e possono variare tenendo conto della causa che determina il fastidioso sintomo del dolore.

Se il disturbo si manifesta in un soggetto in sovrappeso, sarà necessario seguire un apposito programma per perdere peso. Il medico può indicare dei medicinali adatti per contrastare dolore e infiammazione, come antinfiammatori e antidolorifici, che devono essere sempre assunti sotto controllo medico.

È possibile anche seguire dei percorsi specifici con esercizi come la ginnastica da svolgere in acqua (effettuando quindi sessioni di acquagym) e la fisioterapia, con strumenti come il laser, gli ultrasuoni o il TECAR.

Naturalmente la terapia specifica varia sulla base della patologia che potrebbe aver determinato il sintomo del dolore. Quindi il medico potrebbe indicare, caso per caso, eventuali altri farmaci da assumere per trattare la malattia che potrebbe stare alla base dell’insorgenza di questa sensazione di dolore.

Si potrebbero anche effettuare delle infiltrazioni di acido ialuronico, che devono comunque essere valutate esclusivamente da un esperto. Oppure si potrebbe procedere con l’artroscopia dell’anca. Infine l’esperto potrebbe anche suggerire, in caso di una malattia articolare grave, un intervento di protesizzazione dell’articolazione.