Cosa fare contro il dolore alle tempie? È una sensazione davvero fastidiosa, che può presentarsi in qualsiasi momento e che si manifesta a volte con delle vere e proprie fitte alla testa che impedisco di stare bene durante la giornata. È sicuramente una delle tipologie di mal di testa che danno maggiore fastidio.

In genere il dolore alle tempie si manifesta con delle vere e proprie fitte, che condizionano qualsiasi attività nel corso della giornata. In alcuni casi si può trattare di un fastidio che si manifesta con dolore pulsante in diversi momenti. Vediamo quindi di saperne di più sul dolore alle tempie, in particolare sulle cause che possono stare alla base di questo fastidioso problema e sui possibili rimedi per trovare una soluzione efficace.

Cause del dolore alle tempie

Per prima cosa devi considerare il modo in cui si manifesta il dolore alle tempie. Se si tratta di vere e proprie fitte alla testa, dovresti prendere in considerazione il caso specifico. In tutte le situazioni comunque sarebbe fondamentale rivolgersi al medico di fiducia, per cercare di effettuare una diagnosi precisa ed individuare le possibili ragioni, a volte di natura patologica, che possono stare alla base della sensazione di dolore alla testa.

Una delle cause possibili del dolore alle tempie potrebbe essere l’aneurisma cerebrale, una situazione che deve essere sottoposta immediatamente ad attenzione medica, perché potrebbe verificarsi un’emorragia cerebrale. Proprio per questo è fondamentale rivolgersi ad un medico con tempestività in caso di dolore alla testa.

Non bisogna fare allarmismi, perché, come abbiamo specificato, le cause possono essere diverse. Solo una precisa diagnosi da parte di un medico esperto può individuare la ragione esatta nel tuo caso, tenendo conto delle tue condizioni di salute. Dobbiamo dire che ci sono alcune forme di aneurisma che possono comunque non avere conseguenze per la salute e che risultano senza sintomi e altre situazioni in cui bisogna fare molta attenzione.

In questi casi si possono verificare anche stati di confusione, di alterazione della vista, di vomito e nausea, di vertigini e di intolleranza alla luce del sole.

Un’altra ragione alla base del dolore alle tempie potrebbe essere costituita dall’arterite temporale, una vera e propria infiammazione dell’arteria temporale. In questi casi si avverte una sensazione dolorosa anche durante la masticazione, oltre che un senso di rigidità nel collo e nelle spalle.

Una tipologia di dolore alla testa molto fastidiosa è quella chiamata cefalea a grappolo, che risulta in realtà una forma rara, ma potrebbe causare molto fastidio.

In genere questo tipo di mal di testa si presenta per circa due mesi di continuo ogni giorno e poi non compare più per un altro anno.

A differenza della cefalea a grappolo, la cefalea intensiva è molto comune. In questo caso basterà assumere un analgesico (sempre sotto consiglio medico) per vedere scomparire i sintomi dolorosi. Solitamente a questo problema non si associa la presenza di altre manifestazioni sintomatologiche.

Parliamo poi dell’emicrania, una tipologia di mal di testa davvero comune che può risultare maggiormente fastidiosa in presenza del consumo di alcuni alimenti o di bibite. Parliamo ad esempio della carne rossa o del vino.

Rimedi contro la sensazione dolorosa

Cosa fare quindi in presenza di dolore alle tempie? Sicuramente una sensazione dolorosa può capitare in qualsiasi momento a chiunque. Quindi non è il caso di allarmarsi per un caso isolato che si risolve spontaneamente nel giro di poco tempo.

Consultiamo un medico, invece, se la situazione tende ad essere ricorrente oppure nel caso in cui tende a peggiorare e a condizionare le attività della vita quotidiana.

L’esperto analizzerà nello specifico i sintomi di cui soffriamo e sarà in grado, anche tenendo conto delle condizioni di salute specifiche di ognuno, di effettuare una corretta diagnosi, che potrà essere utile per stabilire la terapia da seguire per risolvere il problema.

In alcuni casi potrebbe essere necessario effettuare delle vere e proprie modifiche allo stile di vita personale, quando la sensazione di mal di testa deriva dallo stress, dalla stanchezza a causa di ritmi quotidiani molto intensi o da posture scorrette che si assumono quando si sta ad esempio seduti.

Nel caso delle posture non adeguate, sarà sempre il medico ad indicare come bisogna comportarsi nel momento in cui ad esempio si sta seduti alla scrivania.

Se il dolore alle tempie deriva da una condizione di stress, cerchiamo di modificare le nostre abitudini di vita quotidiana, cercando di ritagliare degli spazi da dedicare al relax, specialmente se i ritmi di lavoro che affrontiamo sono troppo pesanti.

È fondamentale prestare attenzione anche all’alimentazione, perché bisognerebbe evitare di abbuffarsi troppo durante i pasti, una condizione che può rendere più lenta la fase della digestione, ed evitare di consumare alcuni cibi che potrebbero determinare un aumento della sensazione di dolore.

Per quanto riguarda i farmaci eventualmente da assumere, sarà sempre il medico a consigliare la terapia più adeguata sulla base dei sintomi che si sperimentano e dell’eventuale patologia che sta alla base del problema del dolore alle tempie.