Si sta parlando in queste ore del nuovo virus che sarebbe stato scoperto in Cina e che avrebbe contagiato alcuni operatori che lavorano negli allevamenti di suini. Alcuni avevano lanciato anche l’allarme sul fatto che il nuovo virus potesse avere un potenziale pandemico da non trascurare.

Arrivano le rassicurazioni dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è intervenuta sulla questione con le parole del capo del programma per le emergenze sanitarie. Quest’ultimo ha rassicurato sul fatto che non c’è nessun nuovo virus da considerare, perché questo microrganismo patogeno di cui si parla sarebbe già sotto osservazione dal 2011.

I vertici dell’OMS spiegano che la pubblicazione scientifica che parla di questo nuovo virus è recente, ma sarebbe soltanto il frutto di alcuni dati e di alcune osservazioni che sono state raccolte nel corso del tempo.

È attiva infatti una rete di sorveglianza globale sull’influenza, che ha il compito di mantenere sotto un controllo costante molti virus, fra i quali c’è anche quello che è stato riscontrato nei maiali. Il controllo su questo “nuovo virus” proseguirà nel corso del tempo.

L’OMS si complimenta con la Spagna e con l’Italia

L’OMS nel frattempo si è complimentata con la Spagna e con l’Italia su come questi due Stati hanno gestito l’emergenza dell’epidemia di coronavirus. Gli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno detto che a marzo l’Italia e la Spagna rappresentavano l’epicentro della pandemia.

Hanno constatato come nel giro di qualche tempo, con una partecipazione attiva e un approccio organico, l’epidemia sia in Italia che in Spagna sia stata portata sotto controllo.