Come togliere i punti neri profondi? Questi possono rappresentare un problema non solo dal punto di vista estetico, ma vanno affrontati con la giusta predisposizione e con gli adeguati rimedi perché provocano proprio un disagio. Ma come togliere i punti neri profondi? Essi si chiamano in gergo medico comedoni e sono delle impurità che si formano spesso in alcune zone del corpo, come per esempio sul viso e sulla schiena.

Queste impurità sono costituite spesso da una concentrazione di grasso e di batteri. Per sapere come togliere punti neri profondi, bisogna rivolgersi sempre ad un dermatologo specializzato. È importante togliere i punti neri profondi con un dermatologo che possa suggerire come agire caso per caso.

Infatti alcuni hanno la cattiva abitudine di schiacciare i punti neri, cercando così di eliminarli. Ma non si dovrebbe mai fare così, perché si rischia di provocare danni alla pelle.

Che cosa sono i punti neri profondi

Abbiamo già specificato che i punti neri possono essere costituiti da impurità della cute. Di solito si mostrano come un’evoluzione dei comedoni chiusi o di quelli che sono definiti punti bianchi. I comedoni aperti si formano quando si aprono i comedoni chiusi, costituiti da sebo, cheratina, microrganismi e detriti cellulari.

Hanno un tipico colore nerastro, perché il materiale che c’è all’interno, quando entra in contatto con l’aria, va soggetto ad una reazione di ossidazione lipidica.

Per quanto riguarda l’evoluzione dei punti neri profondi, possiamo dire che essa può variare da individuo ad individuo. Questi punti neri possono rimanere per un certo periodo di tempo, possono regredire e in certi casi, quelli più gravi, possono dar luogo ad infezioni batteriche e ad infiammazione. A volte stanno proprio alla base della comparsa dell’acne.

Come togliere i punti neri profondi

Assolutamente non bisogna graffiare i punti neri, perché si può tagliare la pelle con la formazione di cicatrici e croste. Inoltre, poiché le unghie possono essere sporche, possono insorgere delle infezioni.

Con l’aiuto del dermatologo si può decidere come intervenire in maniera adeguata. Scopriamo vari metodi per sapere come togliere i punti neri profondi.

I cerotti e le pinzette

In farmacia sono in vendita dei cerotti studiati appositamente per la zona del viso. Questi cerotti si applicano sulla pelle umida nella zona della fronte, del naso e del mento, in cui è presente un punto nero.

I cerotti si lasciano agire per qualche minuto e poi, quando si seccano, si rimuovono e portano via i punti neri. Se soffri di punti neri particolarmente profondi, però, questi cerotti potrebbero anche non funzionare.

Puoi trovare in commercio anche delle pinzette apposite per i punti neri. Sono generalmente in acciaio con una punta arrotondata e bucata. Si usano appoggiandole sul punto nero e facendo una pressione per farlo fuoriuscire dalla sua sede cutanea.

Gli scrub e i rimedi naturali

Come eliminare i punti neri profondi dalla pelle? In generale si potrebbero utilizzare dei prodotti cosmetici di carattere naturale e non irritativi per la pelle per fare degli scrub ed eliminare le impurità. In particolare i cosmetici ad azione esfoliante possono esercitare anche un’azione di prevenzione per rimuovere le cellule morte e l’eccesso di sebo.

Fra i rimedi naturali ti consigliamo l’argilla, soprattutto quella verde, che agisce come un rimedio purificante contro la pelle grassa. L’argilla ha proprietà detossinanti, esfolianti ed equilibranti. Molto importante è anche l’azione che può svolgere il tea tree oil, che ha proprietà antinfiammatorie e antibatteriche.

Basta applicarne una o due gocce su un batuffolo di cotone e poi tamponare le aree della pelle interessate dai punti neri. Di solito agisce bene anche quando la comparsa delle impurità è collegata a fenomeni di infiammazione.

Il peeling chimico

In accordo con il dermatologo puoi stabilire anche un peeling chimico. Si tratta di un trattamento estetico a base di un esfoliante chimico. Naturalmente devi sempre fare molta attenzione e devi rivolgerti a centri specializzati e a professionisti.

Il processo favorisce la rigenerazione e il ricambio cellulare degli strati più superficiali della cute. Puoi fare l’intervento anche a livello ambulatoriale, utilizzando degli esfolianti chimici poco aggressivi a bassa concentrazione.

A volte l’intervento viene praticato da personale medico specializzato all’interno di centri estetici. In questi casi generalmente si effettuano esfolianti chimici dall’azione più profonda e a più alte concentrazioni.

Consigli per la prevenzione

È molto importante badare a fare attenzione alle condizioni della pelle ogni giorno, mettendo a punto una detersione quotidiana. La detersione non deve essere fatta con prodotti aggressivi, ma sono da preferire quelli naturali.

Puoi chiedere consiglio anche al medico o al dermatologo per scegliere i prodotti più adatti per la tua pelle. Infatti è molto importante non provocare un’alterazione del film idrolipidico della cute, perché in questo caso potrebbe aumentare la produzione di sebo e quindi tutto ciò potrebbe favorire più facilmente la formazione di punti neri profondi.

Inoltre bisogna evitare i lavaggi troppo frequenti che non siano eccessivi ed è fondamentale mantenere un buon grado di idratazione con cosmetici di qualità, in grado di non chiudere i pori.